Messi, il piccolo Thiago come il padre: magie col Barca under 8. VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:50

Il figlio di Messi a soli 7 anni già fa faville con la maglia del Barcellona Under 8. I numeri di Thiago sono impressionanti, ma a differenza del padre il suo piede preferito è il destro

Messi
Lionel Messi (Fonte Getty Images)

Di padre in figlio. Chissà se Thiago Messi non possa seguire le impronte del papà Leo, che negli anni si è consacrato come uno dei calciatori più forti di tutti i tempi. Certo come Maradona o come Pelè, si dice che di Messi ce n’è uno, ma non è detto che questa affermazione non possa essere smentita dal nuovo astro nascente.

Thiago (primogenito di Messi e Antonella Roccuzzo) a 7 anni è già protagonista con il Barcellona Under 8, squadra della Escola Sergio, intitolata al centrocampista blaugrana Busquets. Nell’ultimo match vinto dai catalani per 9-2, l’enfant prodige si è messo in luce siglando due goal per niente male. Al pari del padre porta il numero 10 sulle spalle, ma a differenza sua calcia di destro.

LEGGI ANCHE -> CRISTIANO RONALDO, LA DIETA SEGRETA DEL CAMPIONE DELLA JUVENTUS

LEGGI ANCHE -> MESSI, CONSIGLI DI MERCATO PER IL BARCA: UN GIOCAORE DELL’INTER LO HA CONQUISTATO

Thiago Messi, il video dei goal realizzati col Barca Under 8

Dal filmato si evince chiaramente che oltre ad essere figlio d’arte, Thiago ha qualità da vendere. La prima rete è semplicemente fantastica: dopo aver ricevuto palla sulla sinistra di accentra e con un morbido piatto di destro rasoterra batte il portiere avversario. Il secondo è un semplice tap-in sottomisura, ma un bomber che si rispetti deve essere bravo anche in queste circostanze.

A festeggiare con lui la splendida doppietta c’era anche il figlio di Luis Suarez, compagno di squadra e di reparto di papà Leo. Chissà se una volta finita la loro era, possa iniziare quella dei figli con una nuova coppia d’oro capace di far sognare i tifosi catalani, che naturalmente si augurano di vedere ancora a lungo l’argentino e l’uruguaiano con la camiseta azulgrana. La strada è ancora lunga è tortuosa, anche perché su di lui pende la scomoda eredità di essere il figlio di uno degli interpreti che hanno fatto la storia del calcio. L’inizio però è decisamente promettente e lascia ben sperare per il futuro.