Donna uccisa con un colpo di pistola in Puglia: si indaga sul marito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Una donna di quarantasei anni è stata uccisa con un colpo di pistola, causata dallo sparo del marito. L’uomo, dice che il colpo è partito accidentalmente

Donna uccisa con un colpo di pistola in Puglia: si indaga sul marito
Fonte foto: Getty Images

Muore, ad Ostuni, nella provincia di Brindisi, una donna di quarantasei anni raggiunta da un colpo d’arma da fuoco.

Ad ucciderla il marito, che dichiara che il colpo era partito per caso, mentre lui puliva l’arma, legalmente posseduta.

Leggi anche: Stragi del sabato sera: sinergie essenziali per combatterle

Donna uccisa in Puglia con uno sparo: si indaga sul marito

Donna uccisa con un colpo di pistola in Puglia: si indaga sul marito
Polizia italiana (Fonte foto: Getty Images)

Ennesimo caso di femminicidio in Italia, è successo ad Ostuni, nella provincia di Brindisi. Una donna di 46 anni, Giovanna De Pasquale, è morta a causa di una ferita da arma da fuoco. Lo sparo, le aveva ferito prima un braccio, ma poi ha raggiunto il torace, risultando fatale.

A sparare, il marito della donna, Francesco Semerano, 54 anni, che avrebbe rilasciato subito dichiarazioni alla polizia, con l’intento di spiegare la sua involontarietà a proposito dell’accaduto. Stando a quanto avrebbe detto Semerano infatti, il colpo sarebbe partito accidentalmente, mentre lui puliva la sua arma da fuoco, che si era ipotizzato, l’uomo possedesse illegalmente. Successivamente invece, si è potuto constatare che l’arma era tenuta regolarmente dall’uomo.

I fatti, si sono verificati nella tarda serata di ieri, lo sparo, avrebbe raggiunto la donna intorno alle 23, presso una villa di Contrada Malandrino, periferia di Ostuni. Intanto, sul corpo della donna, è stata disposta l’autopsia, per ordine del pm di turno, Giovanni Marino. Solo ulteriori accertamenti infatti, potranno aiutare le Forze dell’ordine ad avere un’idea sulla dinamica dell’accaduto ed a capire, se l’uomo che ha sparato lo abbia effettivamente fatto senza volere. Sul posto, poco dopo la tragedia, sono intervenuti gli uomini della squadra mobile della questura di Brindisi e gli agenti del commissariato. Con loro, anche il medico legale che è stato incaricato dalla procura, per le prime ispezioni esterne. Infine, al momento dell’arresto dell’uomo, ci sarebbero stati degli attimi di nervosismo, dovuto all’arrivo dei giornalisti. Uno di loro infatti, sarebbe stato aggredito.

Leggi anche: Dichiarazioni choc di Brad Pitt agli Awards: “Sobrio grazie a Bradley Cooper”