Stragi del sabato sera: sinergie essenziali per combatterle

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:01

A combattere il fenomeno delle stragi del sabato sera è arrivato un protocollo d’intesa tra Anci e Viminale che assegna ruoli chiave agli agenti di polizia municipale ma anche ai gestori dei locali di intrattenimento

Auto che sfreccia nella notte
Auto che sfreccia nella notte (Getty Images)

Arriva il protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Interno e l’Anci per fermare le stragi del sabato sera e gli incidenti causati dall’abuso di alcol. Un ruolo cardine sarà svolto dalle polizie locali che verranno coinvolte nell’espletamento di servizi di polizia stradale attinenti alla viabilità urbana. Inviata a tutti i prefetti una direttiva che prevede il rafforzamento dei controlli e della sicurezza stradale nei tratti considerati maggiormente a rischio, come le discoteche.

LEGGI ANCHE: Salute, vivere di più senza ammalarsi, adesso si può

Secondo quanto afferma il Viminale, l’accordo assegna agli agenti della polizia municipale un “ruolo preminente” nello svolgimento dei servizi di polizia stradale inerenti alla viabilità urbana, prevedendo la messa in opera di progetti atti a realizzare un efficientamento dei servizi di controllo della viabilità nelle zone più a rischio. Le prime ad agire saranno le polizie locali delle 14 città metropolitane e dei capoluoghi di provincia che vengono considerati idonei ad organizzare i servizi di polizia stradale nell’arco di 24 ore. Via via verranno coinvolte le altre amministrazioni, partendo dalle località con popolazione superiore ai 100mila abitanti. Occorrerà incrementare lo scambio di informazioni e l’interconnessione tra le sale operative delle forze di polizia e le varie polizie municipali.

Questo andrà a determinare un incremento della presenza delle polizie locali sul territorio, con conseguente percezione di maggiore sicurezza da parte dei cittadini.

Stragi del sabato sera: controlli intensificati nei luoghi di aggregazione e misure di sensibilizzazione

Ministro Luciana Lamorgese
Ministro Luciana Lamorgese (Facebook)

Il ministro Lamorgese ha poi chiesto che i prefetti si occupino di intensificare i controlli nei tratti stradali maggiormente a rischio incidenti (luoghi di aggregazione, strutture di intrattenimento). Occorrerà quindi lavorare in sinergia con le amministrazioni locali al fine di adottare le misure necessarie alla messa in sicurezza delle strade. Previsto entro il 20 gennaio un primo resoconto al Viminale da parte dei Prefetti.

LEGGI ANCHE: Boeing ucraino abbattuto da un missile iraniano. Ecco la prova -VIDEO

Da queste risultanze si partirà per instaurare un confronto tra le varie amministrazioni interessate al fine di predisporre una strategia valida su tutto il territorio nazionale che venga strutturata dunque su più livelli di intervento. Previsto anche il coinvolgimento delle associazioni dei gestori dei locali di intrattenimento che dovranno occuparsi della sensibilizzazione dei più giovani rispetto al fenomeno della guida sotto gli effetti di alcol e droga.