(Getty Images)

E’ stato identificato il killer della strage in Nuova Zelanda: è un 28enne australiano ed ha ripreso in diretta streaming la strage. Il video, pubblicato su Facebook, dopo 17 minuti è stato rimosso

Sarebbe stato identificato il killer del duplice attentato terroristico a Christchurch, in Nuova Zelanda. L’uomo, un 28enne australiano, si chiama Brenton Tarrant, è originario  dello Stato di New South Wales, sulla costa orientale australiana, ed ha rivendicato l’attacco con deliranti motivazioni anti-immigrati ed anti-musulmani. Inoltre, ha ripreso in diretta streaming la strage, il video è stato postato su Facebook per circa 17 minuti prima di essere rimosso. Lo conferma la responsabile dei contenuti di Facebook Australia-New Zealand, Mia Garlick.

LEGGI ANCHE –> NUOVA ZELANDA, ATTENTATO TERRORISTICO: 40 MORTI

Nuova Zelanda, attentato terroristico: il killer ha ripreso la strage. La rivendicazione

Mentre la Premier neozelandese Jacinda Ardern, parlando alla Nazione, definisce il duplice attentato “una violenza senza precedenti“, emergono poco alla volta particolari della farneticante rivendicazione del killer. In un manifesto anti-immigrati il 28enne australiano, preso in custodia dalle autorità australiane in quanto fortemente indiziato di essere l’autore della strage, afferma di essere approdato in Nuova Zelanda solo per pianificare e addestrarsi all’attacco; di non essere membro di alcuna organizzazione ma di aver fatto donazioni ed aver interagito con molti gruppi nazionalisti, sebbene abbia agito da solo e nessun gruppo abbia ordinato l’attacco. Ha aggiunto di aver scelto la Nuova Zelanda a causa della sua posizione geografica, per dimostrare che anche le parti più remote del mondo non sono esenti da “immigrazione di massa“.

 

LEGGI ANCHE–> STOCCARDA, ALLARME TERRORISTICO ALL’AEROPORTO: QUATTRO RICERCATI

 

Facebook Comments