Treno, rimborso biglietto: quando e come è possibile ottenerlo?

Quando e come è possibile ottenere un rimborso completo o parziale di un biglietto per viaggiare in treno? Scopriamo tutte le informazioni dettagliate.

Il treno è senza ombra di dubbio uno dei mezzi di trasporto più utilizzati dalle persone per poter fare spostamenti brevi o lunghi. Grazie soprattutto all’alta velocità che negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, all’interno nostro paese i collegamenti sono sempre più efficienti tra città e in pochissime ore ci si può spostare infatti da un lato all’altro dell’Italia comodamente.

Treno
Pexel

Nel caso però si dovesse rinunciare all’ultimo momento ad un viaggio o se si dovesse incorrere in particolare in ritardi della linea scelta, i clienti che si sono affidati a Trenitalia o altri servizi come Italo possono ottenere un rimborso. Ecco tutte le informazioni necessarie che riguardano proprio quest’ultimo argomento.

Treno, i rimborsi per le rinunce ad un viaggio su Trenitalia

Tantissime le persone che decidono di scegliere il treno come mezzo di trasporto per i loro spostamenti. In molti sono anche coloro che vogliono portare con sé i propri animali domestici e soprattutto cani, non separandosi da loro nemmeno per un paio di giorni. Viaggiare è in effetti una delle esperienze più amate in assoluto, perché offre tante possibilità e soprattutto quelle di conoscere nuovi posti, svagarsi e vivere dei momenti rilassanti e di totale stacco dal tran tran della vita quotidiana.

Ma può capitare che per un qualsiasi motivo si debba rinunciare all’ultimo momento ad un viaggio. Fortunatamente su Trenitalia è disponibile anche il servizio di rimborso per i treni nazionali per le seguenti motivazioni:

  • si può ottenere un rimborso integrale per aver rinunciato a un viaggio su Frecce, Eurocity, Euronight, Freccia link, IC, indipendentemente dalla tariffa che è stata acquistata, se si è contratto il coronavirus e dunque si è soggetti ad un periodo di quarantena.
  • Si può ottenere anche un rimborso per avere rinunciato al proprio viaggio su treni nazionali, informandosi se effettivamente la tipologia del biglietto acquistato può essere soggetta a questo tipo di opzione. In quest’ultimo caso si può richiedere un rimborso che prevede però l’applicazione di una trattenuta del 20%. Per ottenerlo si può andare direttamente in qualsiasi biglietteria in cui si è acquistato il biglietto, oppure telefonando al Call center, o compilando un form che si trova direttamente sul sito di Trenitalia, oppure anche tramite l’app ufficiale dei Trenitalia.

Un rimborso sui treni regionali è invece previsto in questi casi:

  • Si può richiedere entro le 23:59 del giorno precedente in cui è indicata la data di partenza e anche in questo caso viene applicato una trattenuta del 20%.
  • Se si dispone di un abbonamento annuale regionale l’applicazione della trattenuta sarà solo del 5%. Questo rimborso si può avere tramite ogni biglietteria e anche agenzie di viaggio, sulla app di Trenitalia e tramite un web form che si trova sul sito ufficiale.

È possibile avere un rimborso integrale e quindi senza alcuna trattenuta, per fatti che sono imputabili a Trenitalia è ciò avviene in particolare se:

  • un treno mostra un ritardo di almeno di un’ora e non si vuole iniziare dunque il viaggio.
  • un treno non può viaggiare per ordine dell’autorità pubblica.
  • servizi cuccetta o vagone letto vengono soppressi.
  • quando sei il posto prenotato non è disponibile.
  • il titolo di viaggio acquistato Call center o sul sito internet non viene dato entro l’ora prestabilita.

Anche in questo caso si può richiedere un rimborso direttamente in biglietteria o in altri metodi già se specificati. Si ottiene invece un rimborso con trattenuta soltanto di una parte del prezzo di un biglietto se:

  • Durante il viaggio vi è un’interruzione della linea dovuta a problemi disservizi o una mancata coincidenza causa del ritardo del treno.
  • Per esigenze di Trenitalia il treno che è stato prenotato risulta essere poi diverso o anche la classe e il servizio sono inferiori a quelle richieste.
  • Il passeggero non può continuare il viaggio a causa dell’ordine dell’autorità pubblica.

Indennizzi per ritardi di Trenitalia, tutte le informazioni

Quando si viaggia con Trenitalia, che offre ai clienti sempre tanti sconti, può capitare che ci si imbatta in ritardi più o meno lunghi e per questo motivo è possibile ottenere anche delle indennità specifiche che variano in base ai minuti di ritardo:

  • Se l’arrivo a destinazione ha un ritardo che va tra i 60 e 119 minuti si riceve una indennità che è pari al 25% del prezzo del biglietto.
  • Se invece il ritardo supera i 120 minuti si riceve indennità che è pari al 50% del prezzo del biglietto.

Questa indennità può essere richiesta direttamente in biglietteria, sul sito internet, tramite call center, app con la funzionalità Richiedi indirizzo o compilando un web form che è disponibile sul sito ufficiale e ottenuta con un bonus per acquistare un altro biglietto entro il 12 mesi, oppure in contanti o con accredito per i pagamenti che sono stati effettuati con la carta di credito.

L’indennità è anche possibile ottenerla per i passeggeri che usufruiscono del trasporto regionale. Anche in questo caso è possibile chiedere un’indennità se:

  • il ritardo è tra i 60 e 119 minuti, ottenendo un 25% del prezzo del biglietto. Questo tipo di indennità però è riconosciuta solo per i biglietti che hanno un costo di almeno 16 euro.
  • per ritardi superiori a 120 minuti ottenendo un’indennità del 50% il prezzo del biglietto. Questa è riconosciuta per i biglietti acquistati con un prezzo di almeno 8 euro.

Italo, come ottenere rimborso per rinuncia al viaggio in treno

Anche Italo, così come Trenitalia, offre alla propria clientela la possibilità di ottenere rimborso sui biglietti se ad esempio si deve rinunciare per qualsiasi motivo ad un viaggio. Questo può avvenire però soltanto se si è acquistato un biglietto flessibile, che dunque prevede questa possibilità di opzione.

Si può richiedere un rimborso fino a tre minuti prima della partenza del treno e direttamente sul sito internet ufficiale andando su Cambia prenotazione, inserendo tutti i propri dati, oppure recandosi presso le biglietterie o telefonando al numero di assistenza 892020 che è a pagamento.

Italo provvede a rimborsare il prezzo del biglietto basandosi sui metodi di pagamento scelti per l’acquisto e quindi in contanti, bancomat nelle biglietterie, credito Italo o Borsellino Italo direttamente sul sito.

Indennizzo ai clienti, quando viene riconosciuto

Anche Italo offre un indennizzo ai propri clienti in caso di problemi dovuti a loro disservizi e ritardi:

  • Si può avere un indennizzo del 25% del prezzo del biglietto speso, se si è generato un ritardo avvenuto tra i 60 minuti e i 119 minuti.
  • Si ottiene un indennizzo pari al 50% del biglietto acquistato, se invece si è generato un ritardo che supera i 120 minuti.

Questo indennizzo può essere accreditato sul Borsellino Italo, per i clienti che sono registrati al sito internet, e possono verificarlo direttamente sulla propria Area personale. Per i clienti invece che non sono registrati, l’erogazione avviene tramite voucher monetizzabile.