Cani, viaggiare in treno è possibile? Tutte le regole da rispettare

È possibile per i padroni di cani viaggiare in treno con i propri amici a quattro zampe? Ecco quali sono le regole da rispettare per muoversi in sicurezza.

I cani si sa da sempre sono definiti come migliori amici dell’uomo, questo perché sono compagni inseparabili e si affidano al proprio padrone totalmente per essere curati e accuditi, dando in cambio tanto affetto e amore. Possedere però un animale domestico comporta ovviamente tante responsabilità ed è un impegno da dover tenere sempre in considerazione.

Cani
Pexel

Sono in tantissimi i padroni che non si vogliono separare mai dai propri amici a quattro zampe, decidendo anche spesso di portarli con sé in vacanza e nei loro vari spostamenti. In tanti scelgono come mezzo per viaggiare il treno, comodo e sempre più veloce, che permette di spostarsi da una città all’altra anche in poche ore. Ma quali sono le condizioni richieste per poter portare con sé il proprio amico a quattro zampe in viaggio in treno? Scopriamo tutte le informazioni a riguardo.

Cani, viaggiare in treno è possibile

Sono tantissimi padroni di cani che viaggiano insieme al proprio amico a quattro zampe regolarmente sfruttando i mezzi di trasporto a disposizione come macchine, aerei e treni. Sono davvero molti coloro che non si vogliono separare dal proprio animale domestico neppure per una giornata. Esistono anche tante campagne di sensibilizzazione sull’argomento dell’abbandono degli animali, grave problema che si riscontra purtroppo spesso soprattutto d’estate, quando la gente decide di fare una vacanza.

Sull’argomento dei viaggi e i mezzi di trasporto da scegliere c’è sempre tanta ignoranza e disinformazione e alcuni addirittura credono sia scomodo o macchinoso potersi portare con sé il proprio animale domestico. In realtà un po’ tutti i mezzi offrono la possibilità di viaggiare con il proprio amico a quattro zampe, ma ci sono regole specifiche da seguire. Per quanto riguarda i treni ad esempio ci sono differenze di cui tenere conto sia per quanto riguarda i treni nazionali, che quelli regionali, ma anche tra cani di grossa o piccola taglia.

  • Una regola che riguarda entrambe le tipologie di taglie è che bisogna ricordarsi sempre di avere con sé il libretto sanitario del cane e anche il certificato di iscrizione all’anagrafe canina, e tenere a mente che la responsabilità per qualsiasi tipo di danno è sempre a carico del padrone.
  • Altra specifica riguarda i cani guida per le persone non vedenti. Questi viaggiano sempre gratuitamente in ogni categoria di treno e possono anche avere accesso alla zona bar.

Taglia piccola, le regole da rispettare

Per quanto riguarda il primo caso gli animali di piccola taglia sono ammessi in questi casi nei treni nazionali:

  • È accessibile la prima e la seconda classe in tutti i treni, anche servizio Executive, Premium, Standard e Business.
  • Gli animali devono sempre viaggiare in un trasportino o kennel e le misure devono non devono superare 70x30x50 cm. Nei mezzi ETR 450 il trasportino dovrà essere tenuto sempre in grembo.
  • Il viaggiatore può portare con sé soltanto un animale.
  • Nelle carrozze dove ci sono cuccette, vagoni letto o quelle Excelsior bisogna prenotare uno scompartimento intero, ma in questo caso fanno eccezione i cani guida che non hanno lo stesso obbligo.
  • È severamente vietato portare con sé gli animali nelle carrozze bar e ristorante, esclusi ovviamente i cani guida.

Per quanto riguarda invece i treni regionali, gli animali domestici di piccola taglia saranno ammessi nelle seguenti condizioni:

  • In prima e seconda classe in tutte le categorie di treni regionali dovranno essere custoditi all’interno di trasportini o kennel con misure che non superino 70x30x50cm.

Cani grossa e media taglia, limitazioni e possibilità

Per quanto riguarda i cani di grande o piccola taglia che devono viaggiare su treni nazionali ecco quali sono le regole da seguire:

  • Sono ammessi i cani di taglia grande e media sia in prima che seconda classe, e sui servizi Standard e Business. Non sono ammessi su Premium, Executive, salottini e area bar e ristorante e anche aree di silenzio.
  • Bisogna acquistare anche un biglietto per questa tipologia di cani, oltre a quello per il viaggiatore e il pagamento dovrebbe essere il 50% di un biglietto in seconda classe o Standard. Il biglietto è valido anche se ci si trova in prima classe o in servizio Business.
  • È possibile portare animali di grossa taglia nelle cuccette e vagoni letto, sulle carrozze e sulle vetture Excelsior, ma anche qui il cane dovrà avere pagato il prezzo del biglietto e si dovrà anche acquistare uno scompartimento intero.
  • Fuori dallo scompartimento il cane deve sempre indossare museruola e stare al guinzaglio.

Per quanto riguarda invece i treni regionali, ecco di seguito le regole da rispettare:

  • Gli animali di grande e media taglia possono accedere con guinzaglio e museruola sulle piattaforme delle ultime carrozze con limitazioni orarie che vanno dalle 7:00 alle 9:00 del mattino, dal lunedì al venerdì.
  • Anche in questo caso si deve pagare il biglietto che è sempre il 50% della tariffa che riguarda la seconda classe.

Multe e altre informazioni utili

È sempre importante ricordarsi che il compito di sorvegliare il proprio cane spetta al padrone, come anche accertarsi che stia bene e non soffra, che si assume tutte le responsabilità su esso. Inoltre il cane ovviamente non può occupare dei posti a sedere, e qualora recasse disturbo il personale di bordo dei treni può sempre invitare il viaggiatore ad andare in un’altra postazione o addirittura scendere alla prima fermata se non ci sono posti disponibili.

Se il viaggiatore dimentica di pagare il biglietto per il cane sarà soggetto a multa e al pagamento anche del biglietto intero. Se si viaggia senza documenti dell’animale si va incontro ad una multa di 25 euro. Se il cane invece manca di guinzaglio e museruola o trasportino viene prevista una multa di 8 euro e anche di scendere alla prima fermata utile senza avere nemmeno il diritto del rimborso del biglietto.

Per ultimo, un consiglio da dare a tutti i viaggiatori è quello di consultare spesso il sito di Trenitalia per vedere se vengono inserite nuove offerte che potrebbero essere anche riservate agli amici a quattro zampe.