Inps: come posso comunicare il mio nuovo iban bancario per ricevere la pensione?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quanti pensionati anziani cercano di uscire indenni dal labirinto del mondo informatico direttamente collegato con la propria posizione bancaria dell’Inps? Sicuramente non pochi, così come in tanti sono ancora in possesso di vecchi libretti o decidono ogni mese di fare file interminabili per ritirare la propria pensione mensile in contanti.

In attesa che il nuovo Governo, finalmente, mantenga le promesse della campagna elettorale, e “metta mano” alla riforma globale del sistema previdenziale di casa nostra, non sono pochi i pensionati, in particolare poco avvezzi al mondo digitale, a cercare di comprendere come districarsi nel delicato mondo di iban e conti bancari on line.

INPS IBAN NUOVO
Fonte Foto Canva

Non è sempre facile uscire dal labirinto del mondo dei conti bancari digitali: non tutti gli anziani, abituati al caro vecchio libretto postale, sanno comprendere con attenzione cosa sia un iban e come funzioni. Ancor peggio è quando, oltre alle regole informatiche di un conto corrente, si deve avere a che fare con “la burocrazia” del mondo Inps.

Proprio il nostro Istituto Nazionale Previdenza Sociale offre, sul proprio sito web, alcune regole basilari per poter modificare il proprio iban. Non ci riferiamo ad altro che al codice identificativo, alla porta di accesso del nostro conto bancario, quello che ci permette di essere “codificati” dalle altre banche per ricevere pagamenti in entrata, ma mette anche noi nella condizione di effettuare pagamenti.

L’anziano o il pensionato potrebbero ritrovarsi nella condizione di dover effettuare un cambiamento repentino dell’Iban: cerchiamo allora di capire come muoversi in tal senso e in che modo l’Inps ci agevola per percorrere la strada giusta.

Inps, pensione: e se volessi cambiare il mio iban?

Sul sito web dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, il percorso non è complicato. Come accade sempre per le richieste della pubblica amministrazione, se vuoi comunicare all’Inps il tuo nuovo iban, non devi perdere tempo e accedere con il tuo spid all’area a te destinata. Ricordati che non esiste solo lo Spid, ma anche Cie e oppure Cns ti permettono di usufruire di questo indispensabile servizio.

Una volta entrato nella tua area personale, altro che labirinto, sarà tutto più agevole. Ed è a questo punto che puoi facilmente entrare nella sezione “Cambiare e/o coordinare accredito della pensione”. Riassumiamo le operazioni da compiere per i meno avvezzi. Va ricordato che gli sportelli della tua città e il tuo consulente di turno ti mettono sempre nella condizione di trovare una soluzione “dal vivo” con un appuntamento preso per tempo.

Ed ecco le fasi indicate, testualmente, dal sito dell’Inps per modificare i dati dell’ufficio pagament. Ecco cosa devono fare i pensionati, ricordando che sono tante le iniziative dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale contro il caro vita.

  • accedere al servizio online;
  • scaricare i modelli AP03 o AP04 che saranno già compilati con i dati per essere validati dal nuovo ufficio pagamenti;
  • recarsi presso il nuovo ufficio pagamenti per farsi timbrare e firmare questo modulo precompilato;
  • scansiona il modulo con il timbro e la firma;
  • accedere nuovamente al servizio online e caricare il modulo nella sezione ‘Documenti’;
  • confermare l’azione per presentare il reclamo;
  • scarica la ricevuta e stampa la richiesta di cambio.