Divorzi vip clamorosi, quali sono i più cari di sempre

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tanti sono i divorzi Vip clamorosi che hanno suscitato grande scalpore ed hanno fatto parlare per settimane e mesi. Ma sapete quali sono i più cari di sempre? Andiamo a vedere la top ten.

Nell’arco degli anni ci sono stati tanti volti noti al grande pubblico che hanno deciso di prendere strade diverse. A volte si è trattato proprio di eventi che hanno lasciato di stucco le persone per varie ragioni. Tuttavia, ogni volta che c’è un divorzio tra i personaggi pubblici c’è sempre l’argomento legato agli interessi e al denaro. Un tema che provoca dissidi e contrasti.

divorzi vip
fonte foto: Ansa

Sia nel bene che nel male è inevitabile che si parli dei divorzi Vip. Soprattutto quando questi hanno un ruolo importante all’interno dello showbiz. Le separazioni interessano sempre in modo particolare il pubblico che vuole scava a fondo. Le persone, inoltre, non voglio scoprire solo i motivi che li hanno spinti a dividersi per sempre, ma anche gli interessi economici in ballo.

Proprio di recente abbiamo visto come la coppia formata da Francesco Totti e Ilary Blasi sia finita al centro per la guerra dei rolex, delle scarpe e delle borse. Un esempio per far capire come la parte economica sia imprescindibile quanto di parli di separazioni tra star. Ma nel corso degli ultimi anni, quali sono stati i divorzi Vip più clamorosi e costosi?

Divorzi Vip più costosi e chiacchierati: la top 3

In tanti anni ci sono stati volti dello spettacolo che hanno optato per la separazione. A volte sono state vicende seguite privatamente, mentre altre hanno suscitato scalpore. Questo soprattutto per quanto riguarda il lato economico. Tra le ultime separazioni di “casa nostra” c’è stata quella tra Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi, anche se pare che tra di loro ci siano dei riavvicinamenti. Al di là di questo, andiamo a dare un’occhiata ai divorzi più costosi ed eclatanti di sempre.

Silvio Berlusconi e Veronica Lario

Uno dei divorzi più discussi e costosi di sempre è quello che c’è stato tra Silvio Berlusconi e l’ex moglie Veronica Lario. Ha fatto scalpore una sentenza del 2015 che aveva stabilito che all’ex attrice sarebbero andati 1,4 milioni di euro mensili. Una sentenza che due anni dopo è stata revocata dalla Cassazione che aveva stabilito che la Lario doveva restituire indietro il denaro al patron di Mediaset.

Dopo anni di discussioni pubbliche e private, nel 2020 è arrivato l’accordo tra gli ex coniugi. In questo caso, l’ex cavaliere aveva rinunciato formalmente e in via ufficiale ai 46 milioni di euro che gli spettavano dall’ex moglie. In questo modo ha chiuso qui una delle pagine di cronaca rosa e battaglie legali più chiacchierate di sempre.

Bill Gates e Melinda French Gates

Il divorzio più costoso della storia tra due personaggi famosi è quello tra Bill Gates e l’ex moglie Melinda French Gates. Una vicenda che ha fatto parlare per mesi, non solo perché la separazione è arrivata dopo 27 anni in cui hanno fatto coppia fissa. Ma proprio perché in ballo c’era un patrimonio di 152 miliardi di dollari.

Quando hanno divorziato, i due si sono accordati per la divisione dei loro possedimenti, sia economici che immobiliari. Non sappiamo di preciso i termini in quanto non sono stati resi noti. Tuttavia, secondo quanto si legge sul Fatto Quotidiano, pare che alla moglie del co-fondatore di Microsoft siano andati 76 miliardi di dollari.

Jeff Bezos e MacKenzie Scott

Quella formata da Jeff Bezos e MacKenzie Scott era considerata la coppia più ricca d’America. Dopo venticinque anni di matrimonio, il miliardario patron di Amazon ha deciso di separarsi dalla moglie nel 2019. Una notizia che suscitò grande interessa, in particolare per questioni economiche.

Il divorzio è tra i più costosi di sempre. Secondo quanto si legge sul quotidiano La Repubblica, alla donna è andato il 4% delle quote Amazon. Si parla di una parte che vale 36 miliardi di dollari. In quella circostanza, Besos aveva sottolineato che aveva mantenuto le azioni del Washington Post e del Blue Origin.