Pompa di calore o stufa a pellet, cosa scegliere per risparmiare? Ecco quale conviene

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Conviene di più la pompa di calore o la stufa a pellet? È una domanda che si pongono molte persone che sono alle prese con il risparmio in questo periodo di forte disagio economico.

I prezzi dell’elettricità sono aumentati in modo significativo e spropositato. Dopo un decennio di stagnazione, i costi sono esplosi subito dopo la pandemia. Ma la situazione è peggiorata in modo netto dal conflitto tra Russia e Ucraina. Una guerra che ha alimentato a far mandare i costi alle stelle del gas naturale, tanto che milioni di famiglie sono in grave crisi economica. Per questo il risparmio è la parola d’ordine.

pompa calore o stufa pellet quale conviene
Fonte Foto Adobe Stock

Per non avere freddo durante l’inverno o pagare bollette enormi, tante persone iniziano a pensare a strategie idonee per quanto riguarda il riscaldamento. In molti cercano ciò che si adatta meglio alle caratteristiche della casa. C’è una vasta gamma di possibilità di condizionamento dell’aria per riscaldare una abitazione e che consentono di risparmiare energia e ridurre le bollette elettriche.

In questo scenario di rincari esorbitanti, in molti si chiedono se sia davvero conveniente investire su una stufa a pellet oppure optare per una pompa di calore. Si tratta di due forme di risparmio per quanto riguarda sia il gas che l’energia elettrica. Ma qual è che incide di meno sulla bolletta? Andiamo a vedere i dettagli.

Pompa calore o stufa a pellet: ecco quale conviene di più

L’aumento dei prezzi ed il caro bollette che mette da mesi il terrore tra la popolazione, sta facendo pensare agli italiani una serie di mosse per risparmiare il più possibile. In inverno è impossibile non cercare di tagliare i costi sul riscaldamento, per questo motivo in molti si sono approvvigionati della stufa a pellet già in estate. Questo per via di una manovra di governo.

L’esecutivo guidato da Draghi aveva lanciato il bonus stufe a pellet che ha permesso una detrazione del 65%. Ma oltre a questo, coloro che hanno optato del pellet hanno potuto usufruire anche del bonus ristrutturazione di un immobile che invece consente una detrazione al 50% del costo di acquisto.

Per quanto riguarda invece la pompa di calore, si tratta di un macchinario capace di trasferire calore a una stanza fredda. Per fare ciò si usa l’energia elettrica o gas metano. Esistono strumenti che permettono di fare la cosa inversa, ovvero trasferire freddo a una stanza calda. In poche parole: raffreddano e riscaldano la stanza. È da sottolineare che installare una pompa di calore rientra nell’Ecobonus con una detrazione del 65%, come la stufa a pellet.

Ma quindi quale conviene di più? La corsa c’è sia all’acquisto delle stufe a pellet che all’installazione delle pompe di calore. Anche se i costi sono aumentati per entrambi. C’è da dire che, nonostante le pompe di calore abbiano un bel po’ di peso per quanto riguarda costi di installazione e manutenzione, questi vengono assorbiti nel tempo.