Agenzia delle Entrate, come pagare una multa online?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Pagare una multa online per l’Agenzia delle Entrate può non essere semplice. Dall’altra parte, meglio sempre evitare problemi in termini di ritardi. Ecco come fare tutto telematicamente.

L’Agenzia delle Entrate e sempre più presente nella nostra vita. Nel corso del tempo può capitare di ricevere delle multe dall’ente. Con l’avanzamento tecnologico si è avuto modo di poter pagare le sanzioni anche online. Non tutti i siti concedono lo stesso procedimento e questo può creare qualche intoppo.

Agenzia delle Entrate
Adobe Stock

Confrontarsi con l’Agenzia delle Entrate non è mai semplice. A maggior ragione se si parla di multe e sanzioni. Inoltre, quando ci arriva una cartella dobbiamo stare molto attenti alla tempista. L’Agenzia, infatti, concede un primo periodo in cui pagare la multa. Nel caso di infrazione, la cifra cambia e si fa più pesante.

La tecnologia, anche in questo contesto, può decisamente aiutarci. Anche se non sempre ha un decorso positivo. Qualche settimana fa proprio dall’Agenzia delle Entrate sono arrivate cartelle da una pec non valida. Un serio problema che ha messo in difficoltà sia l’ente che i contribuenti. Difficoltà che può palesarsi anche in caso di pagamenti online. Vediamo quali passaggi bisogna seguire.

Come pagare multe online sul sito dell’Agenzia delle Entrate?

Per velocizzare i tempi si potrebbe pensare a pagare le multe online. Dal sito dell’Agenzia è davvero molto chiaro il procedimento. La cartella di pagamento è notificata tramite il bollettino RAV o il modulo pagoPA. Entrambi sono già precompilati con la cifra da versare. Ricordando che in caso di ritardo si dovrà aggiungere la cifra che manca.

Il metodo online è legato al servizio “Pago-online” disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione e sull’applicazione Equiclick. Il modulo può essere pagato anche tramite i canali di riferimento delle banche, delle Poste Italiane e dei Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) che aderiscono all’ambito pagoPA.

In alternativa, anche se sono modi fisici, si parla di sportelli di banche, tabaccherie o Posta. Oppure direttamente all’ente oggetto del nostro discorso, Per quanto riguarda il pagamento di un soggetto che vive all’estero questo deve utilizzare il modulo PagoPA se la banca ha questa soluzione. Oppure, il pagamento può avvenire tramite bonifico intestato all’Agenzia delle entrate. Si può pagare anche metà cartella ma solo tramite la compilazione del modulo F35.

L’ente, quindi, concede tutte le strade possibili per alleggerire il carico a chi ha ricevuto la multa. Semplicità che non riguarda la riscossione di una sanzione ma anche le modalità di accesso. Siamo sempre legati allo SPID ma l’Agenzia delle Entrate permette altre modalità di accesso. 3 modi davvero semplici ma che sono poco conosciuti.