Lady D colpita dalla maledizione? Dopo anni la verità

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ultime indiscrezioni quelle rilasciate riguardo la morte di Lady D spuntano e parlano di una possibile maledizione. Scopriamone insieme di più.

Sono passati ben venticinque anni dalla scomparsa tragica di Lady D e ancora oggi la sua morte sembra essere avvolta nel mistero. Un tragico incidente quello che l’ha vista protagonista e che ha strappato la vita a lei e Dodi Al Fayed, con cui si trovava insieme nella stessa macchina.

Lady D
Ansa foto

Nonostante il passare degli anni continuano a spuntare dichiarazioni in merito a quella drammatica notte e da un’intervista a Karim Kazi, che lavorava all’interno della sicurezza del Ritz dove alloggiavano i due, vengono fuori nuove verità.

Si parla infatti di una maledizione, di cui lo stesso Karim aveva più volte provato a parlare e che è sempre stata taciuta. Ecco tutte le informazioni a riguardo.

Lady D, l’auto maledetta

Secondo quanto riportato in un articolo su Oggi.it pare che ci siano nuove dichiarazione riguardante la notte in cui Lady D perse la vita. Karim Kazi, oggi attuale proprietario di un hotel nel centro di Parigi, 25 anni fa faceva parte della sicurezza del Ritz e pare che avesse scoperto un dettaglio che è stato sempre nascosto. L’uomo infatti aveva raccontato di aver diverse volte dato istruzioni di sbarazzarsi di un’auto, una Mercedes un 280s che a quanto pare sbandava spesso sul bagnato e sembrava essere pericolosa e addirittura maledetta.

Pare che l’auto anni prima sia stata rubata da dei ladri, che erano usciti fuori strada ribaltandosi e l’avevano abbandonata in seguito. Secondo l’opinione di Kazi questa auto doveva essere rottamata, invece è stata poi sistemata è messa in moto proprio quella tragica notte in cui Diana perse la vita.

Per l’uomo dunque c’è una connessione con l’incidente stradale che è avvenuto il 31 agosto del 1997 e la macchina noleggiata da Diana e Dodi Al Fayed. Karim però non ha nemmeno smentito le ipotesi di complotto che c’erano nei confronti della coppia. L’uomo ha infatti dichiarato che sia Dodi che il padre Mohammed erano spesso molto paranoici, come se si sentissero nel mirino e si aspettassero dunque fare una brutta fine.

Si dice anche Diana stessa in realtà avesse avuto un presagio della sua morte e aveva sostenuto anche che in passato che ci furono dei piani per sbarazzarsi di lei. Una storia quella della scomparsa della donna che resta piena di risposte mai avute e di nuovi dettagli che di tanto in tanto spuntano fuori. E chissà se si saprà mai cosa successe realmente quella notte, così da poter chiudere per sempre questo doloroso capitolo.