Bonus Occhiali è stato cancellato? Tutte le novità sul sostegno

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il bonus occhiali era uno degli incentivi più attesi dagli italiani. Il decreto per lo sconto sul prezzo di occhiali da vista e lenti a contatto correttive sembra essersi arenato: ecco quello che c’è da sapere.

In questi ultimi mesi abbiamo visto numerosi provvedimenti da parte dell’esecutivo italiano per sostenere famiglie ed imprese alla ripartenza economica post covid. Ma anche aiutare i cittadini a far fronte alla crisi finanziaria e all’inflazione sempre più alta. Tra gli incentivi che erano in programma c’era anche quello sugli occhiali, ma che cosa ne è stato?

bonus occhiali
fonte foto: AdobeStock

Dal bonus trasporti al bonus terme. Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad una serie di sconti che hanno fanno gola a milioni di italiani. Uno di questi è il Bonus Occhiali. Una delle agevolazioni pensate per il settore ottico a cui molte persone devono ricorrere per problemi legati alla vista. Ma il dubbio è se questo sostegno vedrà mai luce.

Per il momento il bonus è in fase di stallo in quanto si sta aspettando il decreto attuativo. Anche perché non vi è traccia nel Decreto Sostegno Bis dove ci sono numerosi bonus. In poche parole manca la procedura per attuare la misura. Ma non bisogna perdere le speranze in quanto la situazione potrebbe sbloccarsi da un momento all’altro.

Come funziona il Bonus Occhiali: durata e chi può fare la domanda

Il bonus occhiali è una delle misure previste dall’esecutivo e consiste in uno sconto di 50 euro per l’acquisto di occhiali da vista e lenti a contatto correttive. Ma sono previste detrazioni anche per le visite oculistiche e le spese sanitarie, così come le montature degli occhiali. Una misura che ha portato a stanziare 15 milioni di euro da spendere nel triennio: 2021, 2022 e 2023. In Pratica 5 milioni di euro l’anno.

Il provvedimento, quindi, ha una durata di 3 anni e quindi è valido fino al 2023, proprio per questo motivo la situazione potrebbe sbloccarsi presto. Anche se i tempi si stanno facendo sempre più corti, ma molte persone possono sperare ancora di avere accesso al contributo. La domanda la possono fare tutti i cittadini che hanno una fascia di reddito ISEE non superiore ai 10 mila euro.

Quando si potrà fare domanda? A questa domanda non c’è ancora risposta. Questo perché bisogna attendere il decreto attuativo. Tuttavia, per ottenere il bonus bisognerà poi presentare la domanda in via telematica nel sito del Ministero. Una volta fatto, verrà emesso un voucher che sarà usato come sconto.

In caso di spesa già effettuata, la persona dovrà armarsi di scontrino fiscale ‘parlante’, in pratica con nome del cliente e che il prodotto abbia il marchio CE. Il pagamento, inoltre, dovrà essere fatto tramite un mezzo tracciabile come bancomat o carte di credito, conservando lo scontrino o la fattura.