Bonus animali domestici da 400 euro: come ottenerlo e chi spetta

Arriva il Bonus per coloro che hanno gli animali domestici nel 2022. Andiamo a vedere tutte le informazioni da sapere: come funziona, come ottenerlo e a chi spetta.

Anche quest’anno sarà disponibile il bonus per tutte le persone che hanno in casa cani e gatti. Un sostegno che è stato confermato dalla Legge di Bilancio. Questo si va ad aggiungere a quello più noto che è il bonus veterinario, in quanto si tratta di una detrazione per quanto concerne le spese veterinarie. Una misura molto utile, soprattutto per i padrini e le padrone che sono alle prese anche con i rincari esorbitanti.

bonus animali domestici
fonte foto: AdobeStock

Sono tantissime le famiglie italiane che nelle proprie abitazioni hanno un cane o un gatto. Per molti si tratta di una vera e propria compagnia, per altri invece perché hanno una passione per gli amici a quattro zampe. Quello che è sicuro è che per molti di loro è indispensabile averne uno a casa. Un’importante che è stata riconosciuta anche dal governo, visto che anche nel 2022 è stato approvato il bonus animali domestici.

In sostanza è una misura di sostegno per molte famiglie. Che si va ad aggiungere alla più nota detrazione del 19% del modello 730 sulle spese veterinarie che vengono effettuate dal proprietario del cane o gatto. Si tratta di un bonus poco conosciuto, ma di fondamentale importante. Andiamo a vedere in che cosa consiste.

Bonus animali domestici 2022: adozione cane

È bene saper che la detrazione del 19% nella dichiarazione dei redditi annuale non è un Bonus. Si tratta in pratica di un rimborso delle spese veterinarie che sono state sostenute nell’anno precedente a quello corrente. E tanto meno non è un Bonus da 550 euro come in molti credono che sia, in quanto quella è solo la spesa massima per richiedere il rimborso.

L’unico Bonus animali domestici che è presente ed è riconosciuto da governo riguarda solo ed esclusivamente le adozioni di un cane in un canile. Non è un sostegno governativo, bensì uno che ha carattere locale, in quanto è deciso dai Comuni o dalla Regioni del territorio. È importante quindi controllare frequentemente il sito ufficiale dei comuni di residenza e della regione per vedere se questo bonus esista.

Ci sono già dei territori che hanno messo in pratica il Bonus per chi decide di adottare un cane da un canile. Ad esempio i comuni dell’Unione Montana Comuni del Mugello hanno stanziato un sostegno di 400 euro per chi adotta un cane che è all’interno della struttura da tre anni.

Per coloro che decidono di adottare un cucciolo che ha almeno un anno e che è all’interno del canile da almeno sei mesi può beneficiare di 300 euro. L’incentivo scente alla somma di 200 euro per chi prendere un cane che ha meno di un anno.

Come si può benissimo immaginare, il Bonus ha l’obiettivo di aiutare l’amico a quattro zampe a trovare un padrone, così da alleggerire il carico dei canili ed arginare allo stesso tempo il fenomeno degli animali randagi.