Acque minerali, quali sono le migliori e le peggiori? La classifica

L’acqua è sicuramente un elemento a dir poco essenziale. Ma quali sono le migliori e le peggiori acque minerali in commercio. La classifica non lascia dubbi.

Il consumo di acqua è principale per il nostro organismo. L’idratazione, infatti, è un tassello fondamentale per il corretto funzionamento del nostro corpo. Per questo motivo, gli italiani consumano tantissima acqua minerale in bottiglia. Dall’altra parte, però, il mercato presenta vari marchi e la scelta non è spesso consapevole. A tal proposito, molti si chiedono quali siano le migliori e le peggiori sul mercato.

Acque minerali
Adobe Stock

La scelta di acque minerali in bottiglia è dato dal fatto che sempre più hanno visto con diffidenza l’acqua del rubinetto. Tale scelta di tantissimi italiani ha portato sempre più aziende a mettersi in gioco in questo settore. Anche se, come possiamo facilmente immaginare, la scelta non va proprio a favore dell’ambiente. Il problema della plastica, infatti, è sempre più reale e pesante. Dal momento che, quindi, si può parlare di vera e propria abitudine, Altroconsumo ha deciso di analizzare ben 75 bottiglie tra quelle più vendute.

L’analisi svolta da altro consumo ha preso come riferimento la presenza di sali minerali, metalli e contaminati. Inoltre si è anche posto il mirino sulla confezione. In merito, molti non conoscono cosa ci sia dentro alla confezione di acqua minerale in plastica. Andiamo, ora, a scoprire tutti i dettagli della classifica stilata da Altroconsumo. I risultati potrebbero sorprendere.

Acque minerali, l’analisi di Altroconsumo: i dettagli

L’analisi condotta da Altroconsumo si è focalizzata sia sul contenuto delle bottiglie sia sui dati posti sull’etichetta. Il test, come detto, ha riguardato un confronto tra 75 bottiglie d’acqua. Ricordiamo che l’analisi viene condotta annualmente e non stupisce il fatto che la classifica possa rimanere invariata. Nel 2002, con un punteggio di 73, a svettare su tutti è stata Smeraldina Naturale. Questa, inoltre, è una conferma dato che si è imposta anche nel 2021.

Con un punteggio che va dai 70 ai 73, troviamo: Rocchetta; Recoardo; San Bernardo, San Benedetto, Alpe Guizza e Lauretana. Proprio l’Alpe Guizza ha sorpreso tutti gli esperti. Queste acque minerali sono considerate di medio-alto livello.

Passiamo ora alle acque considerate come buone: qui troviamo: Gran Guizza; Vitasnella; San Benedetto; Lurisia; Acqua Panna; Blues Eurospin; San Benedetto ecogreen; Conad naturale; Dolomia; San Benedetto Easy ecogreen; Nestlé vera; Eva naturale; Esselunga naturale; Lilia; Mangiatorell; Sanguaro Lidl;  Boario; Evian; Coop; Carrefour; Sant’Anna; San Giorgio; Goccia di Carnia; Martina naturale.

Mentre nella parte delle acque minerali considerate di media qualità troviamo i seguenti marchi: Santa Croce; Lilia; Valmora; Levissima e Humana. Fanalino di coda, un po’ inaspettatamente, troviamo l’acqua Fiuggi che è considerata di bassa qualità con un punteggio di 49. Insomma, la classifica delle acque minerali potrebbe sorprendere qualche consumatore. Che, vedendola, potrebbe cambiare qualche sua scelta.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news