Vaticano, paura per Papa Francesco: spari in piazza, cosa è successo?

Città del Vaticano ha vissuto momenti di altissima tensione. Sono stati attivati i protocolli di sicurezza per la difesa di Papa Francesco. I dettagli.

Momenti di altissima tensione quelli vissuti dai presenti a Città del Vaticano. Un momento che ha allarmato tutti e ha fatto attivare i protocolli di sicurezza dall’entourage del Papa. Un momento che poteva avere delle conseguenze davvero molto pesanti. Ecco cosa è accaduto.

Papa Francesco
Ansa Foto

Sappiamo molto bene come l’attenzione su Città del Vaticano sia sempre massima. Nella storia, infatti, ci sono stati eventi che hanno portato a far attivare le guardie presenti. Di certo, visto le tante persone presenti, i momenti possono essere caotici e portare tantissima paura. Uno spavento davvero molto difficile da dimenticare.

Papa Francesco è stato sempre più una guida per i fedeli. Lui ha avuto la capacità di dare alle persone ancora più speranza e fede. Per questo motivo, tanti vogliono far visito al Vaticano. L’ultimo periodo per il Papa è stato particolarmente delicato. Infatti, molti si sono chiesti se Papa Francesco sia malato. In questo caso, invece, sia Papa Francesco che i presenti hanno vissuto attimi di timori dopo che un guidatore ha attraversato un posto di blocco ad alta velocità.

Vaticano, non si ferma ad un posto di blocco: paura per Papa Francesco

Nella piazza del Vaticano si è verificata una situazione che mai nessuno si sarebbe aspettato. Un uomo di 39 a bordo della sua BMW ha attirato l’attenzione dei presenti ed ha attraverso ad alta velocità un posto di blocco. Finendo così in una zona pedonale. Azione che ha portato la polizia presente a sparare al veicolo. Per la tensione, i Carabinieri hanno attivato i dovuti protocolli. Le porte del Vaticano sono state immediatamente sigillate e il Papa è stato protetto dalla sicurezza.

L’uomo non ha frenato al posto di blocco. Lo ha superato raggiungendo Via della Conciliazione. La via porta proprio a piazza San Pietro. Gli agenti, dopo qualche secondo, hanno eseguito l’arresto del guidatore. Lo stesso, al momento dell’episodio, è stato segnalato sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Prima dell’arresto, gli agenti hanno aperto il fuoco contro l’auto e poco l’hanno inseguito. Il guidatore ha anche speronato due agenti, ferendoli. Gli agenti hanno fermato il criminale con una pistola stordente. Inoltre, lo stesso ha lanciato il portafoglio fuori dal finestrino durante l’inseguimento.

Gli attimi di terrori, oltre per l’incolumità del Papa, sono stati dovuti al fatto che la piazza era gremita. I fedeli, infatti, si erano riuniti per ascoltare Papa Francesco nella sua classica preghiera. Come detto, però, questo atto pericoloso non ha sortito conseguenze gravi. Paura e tensione hanno preso il largo ma, alla fine, nessun presente ha subito delle conseguenze pesanti.