Lavatrice, usate tanto l’apparecchio? Ecco i consigli su come risparmiare

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Anche la lavatrice incide sulla bolletta dell’energia elettrica. Molti si chiedono come risparmiare. Ecco alcuni pratici consigli.

I recenti rincari sulle bollette hanno preoccupato e non poco le tante famiglie italiane. I consumatori, infatti, hanno sempre più pensati a modi per risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica. Come possiamo immaginare, avere un risparmio “fai da te” non può che portare un certo sollievo per le finanze personali.

Se la volontà è quella di risparmiare, dall’altra parte ci sono elettrodomestici che non possono essere inattivi. Questi praticamente vengono utilizzati praticamente ogni giorno. Nulla vieta, però, di limitare i consumi di questi elettrodomestici. Tra cui troviamo la lavatrice, un dispositivo davvero molto usato ogni giorno.

La lavatrice è uno degli elettrodomestici più in funzione ogni giorno. Le bollette possono essere salate cosa che ci porta a non dover fare questi errori. Ma pe risparmiare è possibile anche mettere in atto degli accorgimenti che possono dare dei vantaggi. Quindi, possono permettere di ricevere una bolletta con un prezzo inferiore al solito. Andiamo a vedere insieme tutti i dettagli del caso.

Come risparmiare in bolletta grazie alla lavatrice? Ecco i consigli

Come ben sappiamo, anche la lavatrice incide sulla bolletta che arriva periodicamente. In prima battuta, giusto fare un discorso che riguarda sia le finanze che l’ambiente. Bisogna utilizzare l’apparecchio solo se il carico è pieno. Se si hanno pochi pezzi da lavare, il consiglio è quello di attendere qualche giorno. Così che la centrifuga non laverà a vuoto.

Un altro importante tassello è conoscere bene gli orari per metterla in funzione. A tal proposito, nei giorni feriali il consiglio è di accenderla la sera, dalle 19 alle 8 del giorno successivo. Nei giorni festivi, invece, ci sono prezzi minori quindi nel fine settimana si possono fare lavatrici con più facilità.

In ultima analisi, la scelta dell’apparecchio diventa sempre più importante. Un vecchio elettrodomestico non farà fatica solo per l’usura ma inciderà anche sulla bolletta. Quindi meglio prendere lavatrici con classi energetiche A, A+ e A++. Inoltre, è sempre consigliabile evitare il prelavaggio, specialmente se gli indumenti non sono particolarmente sporchi. Come tipo di lavaggio, preferiamo quello a temperature basse. La misura perfetta sarebbe quella dei 30 gradi. Mentre con lavaggi lunghi, il programma eco si lascia preferire.

Ad essere importante per il risparmio in bolletta, però, non sono solo queste tre indicazioni. Spesso, quando si tratta della lavatrice c’è una specifica abitudine che molti ignorano. Questo gesto è davvero molto diffuso e ha una certa incidenza sull’eventuale risparmio. Insomma, occhio ai dettagli se si vuole risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica. Tutti i consigli e le abitudini potrebbero dare respiro alle finanze personali. Di fatto, rendendo il fare la lavatrice decisamente meno preoccupante.