Condizionatore, allarme batteria: il gesto ‘salva aria’ che nessuno compie

Con questo grandissimo caldo non si può non pensare al condizionatore. Ma c’è un gesto per salvare la batteria che in pochi fanno.

Il grande caldo è già arrivato. Quest’anno afa, umidità e alte temperature ci stanno accompagnando già dal mese di maggio. Ed ecco che, per trovare un po’ di sollievo, in molti ricorrono al tanto amato condizionatore. D’altronde quest’ultimo è uno strumento che, nelle giornate estive, non può che essere una vera e propria ancora di salvezza. Ancora di salvezza che permette di vivere con un po’ più si serenità quando il termometro fa registrare più di 30 gradi.

condizionatore allarme batteria
)Fonte Foto: Pixabay)

In molti magari cercano di alleviare la situazione in svariati modi, ma non si può fare a meno della tecnologia e di questo mezzo. Inutile davvero fare troppi giri di parole. Ma ci sono segreti,o meglio, gesti che potrebbero rivelarsi a dir poco fondamentali. Ma di che cosa si tratta? Giusto entrare nello specifico e nel dettaglio, perché la curiosità e tantissima.

Batteria condizionatore, come si può salvarla?

Mentre in molti pensano come risparmiare e ottenere qualche bonus in un periodo dove le bollette sono a dir poc aumentate, importante può essere anche salvare e salvaguardare il proprio condizionatore, che molto spesso può andare incontro a danni inattesi e inaspettati, che potrebbero rendere invivibili le proprie estati con il termometro che sale inevitabilmente sempre più su. Ma a quali pericoli ci si sta riferendo? Principalmente all’assenza di pulizia e accortezza. Infatti pulire filtri e split dei condizionatori domestici è una pratica che ci risparmia e ci tutela da tante malattie di vario tipo e gravità. E questo perché virus e batteri sono sempre dietro l’angolo, anche in questi apparecchi. In realtà, va detto, la scelta migliore sarebbe quella di cambiarli ogni sei mesi, ossia prima dell’inizio della stagione estiva, Nel caso comunque vanno smontati, puliti con un aspirapolvere, poi con uno straccio bagnato e infine disinfettati con spray appositi. Insomma, la procedura è abbastanza specifica e determinata, ma, alla fine, nemmeno troppo complicata.

Ma non è tutto. Infatti un”attenzione speciale merita anche il motore esterno del condizionatore, soprattutto e in particolar modo quando si vive in una grande città, dove molto spesso l’aria è inquinata e per nulla salubre. Ma come lo si può fare? Il metodo migliore prevede il pulire la griglia con una scopa elettrica, per poi lavarla con uno sgrassatore universale. Se lo sporco fosse particolarmente inteso, si può usare l’aspirapolvere. Insomma, tutte strategie e precauzioni che servono per preservare il deteriorarsi della batteria, ma anche per evitare problemi di salute, in primis all’apparato respiratorio. Alla fine la sicurezza, anche in periodi di caldo torrido, viene sempre e comunque prima di tutto.