Termosifoni, guai a lasciarli accesi tutta la notte: conseguenze negative anche per la salute

Con le basse temperature, troviamo il modo di difenderci dal freddo con i termosifoni. Ma questi non vanno lasciati accesi tutta la notte. Ecco perché.

Termosifoni, dormire (AdobeStock)
Termosifoni, dormire (AdobeStock)

Con l’arrivo di freddo e gelo, la gestione della temperatura in casa è sempre un argomento di discussione. In qualche modo il freddo va arginato, soprattutto per chi lo subisce particolarmente. Ma dall’altra parte, si deve anche valutare il consumo dei vari dispositivi. Ad esempio, un aiuto ci viene fornito dalla manutenzione dei termosifoni. Tale passaggio permette di risparmia in bolletta.

Molto spesso, le persone tendono ad addormentarsi con i termosifoni accesi durante la notte. Il pensiero generale è quello che faccia bene sia agli adulti che ai più piccoli. Ma non è affatto così. Questa azione non ha solo una grande incidenza sui consumi del gas. Che, tra l’altro, è il protagonista di un grosso rincaro. Il problema lo è anche per l’ambiente. A questi, si aggiunge un terzo problema che va a toccare la nostra salute. Infatti, dormire con i termosifoni accesi durante la notte non fa bene.

Consumi in inverno, non solo i riscaldamenti: attenzione ai particolari

Termosifoni, perché possono nuocere alla salute

A tutti piace dormire serenamente e senza subite le basse o le alte temperature. Ma in entrami i casi, i dispositivi usati hanno un’incidenza sulla nostra salute. Questo perché, come riportato da supereva, il nostro organismo nella giornata regola la temperatura corporea con una variazione di 1-1,5 gradi. Di notte, così come per dopo pranzo, si assiste ad un processo di raffreddamento. Cosa che avviene tramite la costrizione dei vasi sanguini.

In quei momenti, la circolazione e i battiti rallentano. C’è una riduzione dell’attività degli organi così da dare respiro al corpo e permettere il recupero di energie per il mattino successivo. Tale processo, però, ha bisogno di un aspetto fondamentale. Si tratta della neutralità termica. A tutto questo, si aggiunge che avere una camera calda incide negativamente sul sonno. Continuando così si potrebbe incappare nell’insonnia.

Riscaldare la casa risparmiando? Ecco i 10 consigli che non potete perdere

La temperatura ideale per addormentarsi sarebbe quella di 18-19 gradi per i grandi. Mentre per i bambini si possono toccare i 20. Con questi numeri, prendere sonno sarà molto semplice e si eviteranno qualsiasi conseguenze negative.