Legge 104, occhio a questi errori: potrebbe scattare una multa di 5.000 euro

La Legge 104 aiuta sia le persone disabili e chi si prende cura di soggetti non autosufficienti. Ma attenti a questi dettagli, potrebbero far scattare una multa.

Legge 104 (Adobe Stock)
Legge 104 (Adobe Stock)

Per tutti i soggetti con gravi problemi c’è la legge 104. Questa non solo aiuta loro ma anche chi si prende cura di persone non autosufficienti. Lo Stato permette non solo di ricevere questo sostegno ma avere anche molte altre agevolazioni. Ad esempio, dare pesanti sgravi fiscali per l’acquisto di un veicolo usato.

Ci sono anche tanti altri aiuti finanziari. Tutti rientrano nell’ottica di sostegno a chi ha in famiglia un soggetto portatore di handicap. Oltre all’economica, ci sono anche strade che portano il disabile nel mondo lavorativo. Insomma, ci sono tantissime condizioni per integrare queste persone con gravi problemi.

Come possiamo immaginare, prima di ricevere tutto questo bisogna effettuare una domanda. Ed è proprio qui che bisogna stare attenti. Dobbiamo fare attenzione ad alcuni dettagli che potrebbero far scattare i controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate. Ecco di cosa si tratta.

Legge 104: i dettagli da non dimenticare per non avere multe

Conosciamo la burocrazia italiana, per avere accesso a qualsiasi tipo di sostegno bisogna compilare e presentare tanti documenti. Il momento è davvero importante e non bisogna sbagliare nulla. Il discorso riguarda anche chi presenta domanda per il sussidio riferito alla legge 104. Questo perché, l’Agenzia delle Entrate, procede a dei controlli per verificare che tutte le dichiarazioni siano a posto.

I problemi sorgono se l’Ente nota dei dati che non corrispondono al vero. Cosa che può capitare, anche in maniera volontaria. La scoperta porta, in prima battuta, a far decadere il diritto alla misura di sostegno. Successivamente, però, ci sono delle sanzioni davvero salate.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104, occhio all’agevolazione economica che non tutti conoscono

Le sanzioni fanno riferimento all’articolo 316-ter del codice penale. Riguardano la reclusione dai 6 mesi ai 3 anni per chi riceve ingiustamente il sostegno. La multa, invece, va dai 5.164 ai 25.822 euro se, invece, la cifra totale risulta essere di un massimo di 3.999,96 euro. I rischi sono tanti. Dunque, bisogna fare attenzione a qualsiasi dettaglio per evitare conseguenze negative.