Vaccino, liste di attesa lunghissime: ecco i modi per velocizzare la prenotazione

Con l’arrivo del Super Green Pass, c’è stata la corsa al vaccino. La lista di prenotazione è davvero lunga. Ma ci sono dei modi per velocizzarla. Ecco quali.

Vaccino covid-19 (AdobeStock)
Vaccino covid-19 (AdobeStock)

La corsa agli hub vaccinali è ripartita. Tra seconda dose e la terza del vaccino, le liste di prenotazione sono davvero lunghissime. Il tutto porta ad attendere davvero molto tempo. Addirittura, per molti, la data di riferimento arriva fino a febbraio 2022. Ma pare che ci possano essere dei modi che permettono di ridurre i tempi.

Sicuramente, la gestione non è semplice. Ad aumentare i ritardi sono anche le vaccinazioni obbligatorie imposte per chi lavora nella scuola e nelle Forze dell’Ordine. Si ricordi, inoltre, che molti non avevano ancora fatto il vaccino. E, come sappiamo, per lavorare serve necessariamente la vaccinazione. In ultima battuta, anche se in maniera marginale, ci sono i bambini che rientrano in questo discorso.

Insomma, per chi vuole ricevere la seconda dose o il booster i tempi si allungano. Ma ci possono essere dei modi per velocizzare il tutto. Andiamo a vedere, come riportato dal sito money.it, quali sono i dettagli.

Vaccino, assalto agli hub: come velocizzare la prenotazione?

Il primo modo per cercare di vaccinarsi il prima possibile è quello di informarsi. Magari anche tramite amici o parenti che hanno fatto il vaccino in questo ultimo periodo. Il punto su cui concentrarsi è conoscere se ci sono delle date, anche approssimative, disponibili. In caso contrario, si può procedere alla cancellazione della prenotazione e spostarsi da un’altra parte. Entrambe sono scelte rischiose. Anche prenotando da un’altra parte ci può essere sovraffollamento e lista lunga.

Il secondo modo è essere disponibili anche ad andare in altre zone. La cosa migliore sarebbe prima vedere le zone raggiungibili e disponibili così da avere tutte le strade aperte. Tale scenario da dei vantaggi anche al personale medico che vedono periodi di affollamento con altri in cui ci sono poche persone.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino, è possibile devaccinarsi: ecco la nuova “teoria” no vax

L’ultimo modo è capire quando gli hub ospitano delle giornate di “smaltimento rapido”. In sostanza, si parla dei classici open-day. In cui c’è grossa disponibilità alla vaccinazione ed è libera a tutti. Senza prenotazioni o altro. Ad esempio, la Regione Lazio istituisce tale giornata la domenica e, praticamente, periodicamente. In sostanza, dunque, conoscere subito le zone che ospitano tale evento e procedere di conseguenza.