Terremoto, la terra continua a tremare in Italia: panico tra i cittadini

Un inizio settimana non dei migliori. Altre scosse di terremoto si sono verificate al Sud Italia. Adesso la popolazione inizia ad avere paura. 

Terremoto
Terremoto

La terra ha tremato ancora una volta al Sud Italia poco prima dell’alba di lunedì 29 novembre. Dopo il terremoto nel messinese di sabato 27 novembre, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha rilevato altre scosse sempre nella stessa zona della penisola. Adesso tra i cittadini sale la preoccupazione.

Come purtroppo sappiamo, negli anni siamo stati testimoni sempre più frequentemente della nostra nazione colpita spesso tragicamente da importanti terremoti che hanno attaccato diverse aree della penisola. Oltre ai danni fisici ed economici che hanno provocato le scosse, ci sono stati anche i danni morali da non sottovalutare.

Questa mattina, tra le ore 4.40 e le 6.00 ci sono state altre scosse sempre come centro l’area del Tirreno che hanno intimorito diverse persone. Un inizio settimane che non è partito nel modo più ottimale. Vediamo quali sono state le aree colpite e l’entità del sisma.

Terremoto nello Stretto di Messina: in quali aree si è avvertito

Poco prima dell’alba, la Sala Sismica INGV-Roma ha localizzato delle scosse nelle coste delle Isole Eolie, in provincia di Messina. Precisamente tra la città di Cefalù e Sant’Agata di Militello. Tra le ore 4.43 e le ore 5.58 sono stati registrati due terremoti di magnitudo compresa tra 3.2 e 2.7.

La profondità rilevata è di 38 chilometri. Per quanto riguarda invece le altre coordinate geografiche, possiamo dire che la latitudine verificata è di 38.659, mentre la longitudine è di 14.206. Ma non finisce qui.

Poco più tardi, intorno alle ore 6.06 sempre di questa mattina, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha rilevato ha rilevato un altro sisma nella zona dello Stretto di Messina. Secondo quanto riferito dall’Ingv la scossa ha avuto una magnitudo di 2.5, mentre la profondità registrata è di 6 chilometri.

LEGGI ANCHE >>> Terremoto nel Centro Italia: scossa fortissima, cittadini in apprensione

Esattamente come sabato scorso, anche questa volta le scosse non hanno provocato danni a cose o persone. Tuttavia le autorità, la protezione civile e i vigili del fuoco continuano a monitorare le zone e a rimanere a disposizione della popolazione per chiunque volesse delle informazioni.