Lorenzo poteva far fuori Valentino Rossi: arriva l’incredibile rivelazione

L’ex compagno di squadra di Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, ha rilasciato una intervista a DAZN che non lascia dubbi sulla loro rivalità.

Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi sono stati rivali in pista per tantissime stagioni. Il maiorchino, classe 1997, arrivò in MotoGP nel 2008 dopo il doppio successo in Aprilia in 250. La Yamaha, viste le performance nella classe di mezzo, decise di scommettere da subito su Jorge Lorenzo. Lo spagnolo affiancò il Dottore nella sua stagione d’esordio in MotoGP, dimostrando sin dalla prima gara di non avere particolari timori reverenziali verso il campione italiano.

L’8 marzo 2008, nel weekend di debutto della classe regina, Lorenzo conquistò la pole position a Losail. Arrivò secondo alle spalle di Casey Stoner nel GP del Qatar, mostrando una velocità straordinaria. Il primo podio giunse in Spagna, mentre la prima vittoria in Portogallo alla terza gara in MotoGP. L’impatto fece drizzare le antenne a Valentino Rossi che capì che la Yamaha gli aveva affiancato un pilota in grado di diventare campione del mondo anche in top class.

Dopo rovinose cadute che gli costarono uno stop per un infortunio ad entrambe le caviglie, il centauro spagnolo chiuse la prima stagione in MotoGP in crescendo, al quarto posto e dovette applaudire l’ennesima affermazione iridata di Valentino Rossi. Quest’ultimo si ripeté anche nel 2009, ma stavolta l’avversario numero 1 fu proprio il maiorchino.

Le epiche sfide tra Jorge Lorenzo e Valentino Rossi

I compagni di squadra in Yamaha diedero vita a gare palpitanti. Nel box della casa di Iwata l’atmosfera si fece bollente con due centauri di un livello così alto. Il campionato mondiale del 2010 fu una lotta all’ultima curva tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Quest’ultimo la spuntò e mandò in crisi il nove volte campione del mondo. Il giovane spagnolo era spavaldo e sempre più a suo agio con la moto giapponese. Il veterano accusò il colpo.

Al termine del 2010, infatti, il centauro di Tavullia, sentitosi tradito dalla Yamaha, decise di legarsi alla Ducati. Il feeling con la moto di Borgo Panigale non scattò e Vale visse un biennio terribile senza neanche una vittoria. Jorge Lorenzo ne approfittò per vincere un altro titolo mondiale in MotoGP nel 2012 e avere sempre più potere all’interno del box.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi può tornare in MotoGP: arriva la proposta indecente

In una intervista rilasciata a DAZN in occasione della trasmissione “RiVale”, lo spagnolo ha fatto riferimento al periodo di “festa” vissuto in Yamaha con l’assenza di Valentino. Sono passati anni, ma negli occhi del maiorchino è ancora vivido il ricordo di quella sfida estrema che ha vissuto con il campione di Tavullia. Jorge Lorenzo, infatti, ha assicurato che se avesse chiesto, esplicitamente, al team giapponese di non riprendere Rossi dopo il biennio in Ducati sarebbe stato ascoltato.

“Non l’ho fatto però, perché non ci ho pensato”, ha confessato il cinque volte campione del mondo. Non immaginava neanche la volontà del Dottore di tornare sui suoi passi nel team Yamaha. Jorge Lorenzo ha sottolineato che avrebbe, comunque, avuto il potere decisionale per impedire il ritorno di Valentino Rossi. La storia poi ha voluto che i due si trovassero, nuovamente, uno contro l’altro fino all’ultimo Gran Premio nel 2015, ma questa è un’altra storia e Lorenzo, per sua fortuna, non dovette rimpiangere la sua scelta.