La maledizione del film Rust: un’altra tragedia colpisce Alec Baldwin

Una catena di brutte notizie quella che coinvolge il film Rust con Alec Baldwin. Dopo la morte della direttrice della fotografia, un’altra tragedia colpisce il set.

Run, Alec Baldwin (Getty Images)
Rust, Alec Baldwin (Getty Images)

Da quando l’attore Alec Baldwin ha sparato mortalmente alla direttrice della fotografia del film Rust il mese scorso con una pistola che gli era stata data, erroneamente, carica con le munizioni vere, il set non trova pace. Un altro dramma, infatti, ha colpito il cast della pellicola in Nuova Zelanda.

Da quando il film era stato attanagliato dall’incidente mortale, nell’ambiente cinematografico si è alimentato il dibattito sull’uso delle armi da fuoco sui set. C’è chi chiede un maggior controllo sul set e chi, addirittura, chiede che le armi vengano vietate definitivamente.

Ma proprio mentre il dibattito prende piede, la pellicola cinematografica di cui Baldwin è il produttore esecutivo è stata colpita da un’altra tragedia. Ma questa volta non si tratta di un’incidente causato da un’arma da fuoco, bensì da un morso da un ragno “eremita”. Ecco cos’è successo.

Rust, un nuovo dramma dopo la sparatoria di Alec Baldwin

Dopo la fatale sparatoria di Alec Baldwin, mentre provava una scena sul set, nelle ultime ore è stato rivelato un nuovo dramma per il cast. Nonostante le riprese siano state definitivamente interrotte qualche settimana fa, lo smantellamento degli elementi messi in atto per il film ha subito una tragica svolta.

Secondo quanto riportato, uno dei tecnici che ha partecipato allo smontaggio degli attrezzi sul set è stato morso da un ragno velenoso. L’uomo è stato colpito da sepsi e da allora è stato operato più volte. Pare che sia fuori pericolo, ma rischia l’amputazione del braccio a causa dei danni provocati dal morso.

LEGGI ANCHE >>> Da Baldwin a Brandon Lee: quando la tragedia colpisce il set di un film

Il ragno in questione è un terribile aracnide che ha la particolarità di provocare necrosi della pelle e distruggere i vasi sanguigni, colpendo anche irreparabilmente i reni. Una sventura che la famiglia dell’uomo spera di evitare. Anche per questo hanno chiesto aiuto tramite un account Gofundme, una piattaforma di raccolta fondi.