Cibo congelato, errori da evitare e l’aspetto che non va sottovalutato

Quali sono gli errori da evitare e qual l’aspetto da non sottovalutare quando si parla di cibo congelato, di scadenza e di alimenti: ecco di cosa si tratta

Cibo congelato, errori da evitare e l'aspetto che non va sottovalutato
Frigorifero (fonte foto: Adobe Stock)

Gli argomenti relativi all’alimentazione, come in altri casi, richiede grande attenzione e desta sempre grande curiosità, a maggior ragione se associati ad altri aspetti come alla conservazione del cibo, a quello congelato ed altro ancora: quali sono gli errori comuni da evitare e quali gli aspetti da non sottovalutare?

Via via, in virtù della diffusione del benessere, le abitudini sono cambiate e purtroppo è aumentato in linea generale lo spreco alimentare. Può capitare spesso infatti che vi siano prodotti e alimenti che sono stati acquistati ma poi vengono dimenticati in fondo al frigo o al congelatore.

Sono grosse le quantità di cibo che ogni anno vengono gettate via, soprattutto nella dimensione domestica, e tale fattore deriva tra le altre cose dal comportamento di ogni persona e di ogni famiglia, che può avere conseguenze in tal senso sia in positivo che negativo.

Si pensi ad esempio alla tendenza a fare scorte di cibo con alimenti che in alcuni casi finiscono poi per non essere consumati in tempo.

Cibo congelato, surgelato e conservazione: consigli pratici e utili

Argomento dunque sempre importante e di grande attenzione, quello inerente al cibo congelato, surgelato e alla relativa conservazione.

Quando si parla di congelazione ci si riferisce alla tecnica casalinga mentre quella industriale è la surgelazione, si legge su inran.it; vi sono degli elementi da tener presente come si può leggere dal sito del Ministero della Salute, dove si approfondiscono alcuni dettagli in merito alla conservazione degli alimenti.

Si legge infatti che la temperatura del congelatore deve essere tenuta sui -18 gradi circa; un aspetto importante riguarda il rispetto della catena del freddo. È infatti importante ricordare che gli alimenti acquistati dal punto vendita, nella fase del trasporto fino a casa, vanno tenute in appositi borse frigo e poi riposte subito nel congelatore.

Non tutti forse sanno, come si legge sul sito del Ministero della Salute, che tanto il frigo quanto il congelatore non uccidono i microrganismi che sono presenti negli alimenti, ma vanno a bloccarne la crescita per il tempo che viene riportato sull’etichetta.

Qualora la data di scadenza sia stata superata o se la persona in questione ha dei dubbi in merito al tempo trascorso dall’alimento in frigo o nel congelatore, si legge che è meglio non consumarlo.

Cibo, congelatore e conservazione cibo: altri aspetti importanti

Si legge sul sito del Ministero della Salute anche di alcuni consigli per la disposizione del cibo che va congelato, ovvero va disposto in piccoli pezzi in contenitori puliti riportanti un’etichetta con il nome del contenuto che vi è all’interno e la data del congelamento.

Il cibo preparato va lasciato raffreddare e soltanto in quel momento riposto nel congelatore. Per quanto riguarda invece la fase di scongelamento, gli alimenti non dovrebbero essere posti all’esterno e a temperatura ambiente, ma posti nel frigorifero sono a quando non sia avvenuto lo scongelamento anche in profondità.

LEGGI ANCHE >>> Bolletta e frigorifero, il risparmio passa da questi trucchi

Un errore da non fare inoltre è quello di non ricongelare un alimento; questi non possono essere infatti ricongelati ma vanno consumati quanto prima.

Qui alcuni particolari utili da tener presente in merito alla scadenza del cibo, così come importanti sono le 10 regole d’oro indicate dal Ministero della Salute, di cosa si tratta?

In ogni caso e a prescindere da tutto, è opportuno ed importante, quando si parla di alimentazione e non solo, rivolgersi a prescindere e prima di tutto agli esperti del settore, al fine di chiarire dubbi, informarsi correttamente e seguire le indicazioni degli esperti.