Frigorifero e conservazione cibo: regole ed errori da non fare

Quali sono le regole importanti da tener presente e gli errori comuni da non fare quando si conserva il cibo in frigorifero? Consigli utili e pratici

Frigorifero e conservazione cibo: le regole e gli errori da non fare
Frigo e alimenti (fonte foto: AdobeStock)

L’argomento della alimentazione è molto importante e sempre di grande attenzione, e spesso i discorsi relativi al cibo e agli alimenti si incrociano con un altro aspetto fondamentale, quello della conservazione in frigorifero: quali sono le regole da tener presente e gli errori comuni che vanno evitati?

Sono domande che in molti possono e potrebbero chiedersi, cercando di comprendere se si sta agendo per il meglio o se invece vi siano errori comuni. Proprio a tal riguardo, sul sito del Ministero della Salute, alla voce “Il mio frigo“, tra le altre tematiche c’è spazio per “10 regole d’oro”, con concetti legati proprio alla conservazione degli alimenti in frigo.

Il primo punto da tenere a mente è di verificare quale sia la temperatura all’interno dell’elettrodomestico. Si legge infatti che la temperatura interna deve essere all’incirca di 4-5 gradi “(sulla mensola centrale”. Si raccomanda inoltre di porre il frigo lontano da fonti di calore e di aprilo solo quando necessario, avendo cura di richiuderlo velocemente.

Frigorifero, come conservare il cibo? Attenzione a Temperatura, scadenza, pulizia ed altro ancora

Un tema molto importante quello della conservazione del cibo e degli alimenti in frigo, al cui riguardo, come detto, si possono trovare importanti regole (“10 regole d’oro”) da seguire e tener presente sul sito del Ministero della Salute.

È importante conoscere il frigo all’interno, poiché ciascuna zona dello stesso mantiene temperature diverse. Si legge che il punto più freddo è la mensola bossa, mentre lo sportello rappresenta quella meno fredda.

Si specifica però che con i nuovi frigo vi sono diversi sistemi di refrigerazione e dunque è opportuno leggere le istruzioni dell’elettrodomestico per capire la migliore gestione del cibo da poter fare in base agli spazi interni.

Altro punto molto importante è quello relativo alla scadenza degli alimenti e a quel particolare che talvolta viene ignorato da molti.

Sul sito del Ministero della salute, si legge che ciascun alimento ha la propria “temperatura di conservazione” e dunque il proprio posto nelle diverse zone del frigo.

Quando si parla di frigo spesso si parla anche di consumi e di bollette salate: come risparmiare? Alcuni trucchi.

Frigorifero e cibo: gli errori da non fare

Altro aspetto riguarda quegli alimenti che non necessitano di refrigerazione e che anzi verrebbero danneggiati se posti in frigo. È il caso ad esempio degli agrumi o della frutta esotica, si legge.

Tra le regole indicate sul sito del Ministero della Salute, vi è anche spazio per gli alimenti caldi che non vanno riposti in frigo ma vanno lasciati raffreddare prima. Così come è importante tenere gli alimenti crudi separati da quelli cotti o pronti per essere mangiati. Occorre, si legge, prestare attenzione alle “contaminazioni crociate”.

È opportuno inserire nel frigo contenitori puliti e ben chiusi, o nelle confezioni originali dove sono indicati scadenza e informazioni relative alla conservazione. Allo stesso modo, quanto cucinato in casa necessita di essere ben conservato in contenitori chiusi e puliti.

Non meno importante è la costante pulizia all’interno dell’elettrodomestico così da evitare sporco o accumuli di ghiaccio sulle pareti. In tal modo ci si assicura il relativo e corretto utilizzo. Le istruzioni dell’elettrodomestico può essere consultato per meglio comprendere gli aspetti della manutenzione.

LEGGI ANCHE >>> Cibo, conservazione e scadenza: il dettaglio importante che pochi sanno

Sul sito del Ministero della Salute, il cui testo approfondito relativo alla conservazione del cibo in frigo è raggiungibile cliccando qui, si legge infine di evitare di fare troppe scorte, poiché il frigo non va sovraccaricato con troppi prodotti. L’aria fredda dello stesso deve poter circolare in modo libero intorno al cibo ospitato.

È opportuno ed importante, quando si parla di alimentazione e non solo, rivolgersi a prescindere e prima di tutto agli esperti del settore, al fine di chiarire dubbi, informarsi correttamente e seguire le indicazioni degli esperti.