Rocco Siffredi racconta il suo dramma: il lutto l’ha cambiato per sempre

Durante un’intervista, l’attore Rocco Siffredi ha svelato un dramma che ha subito da bambino. Una vicenda che lo ha segnato per sempre.

Rocco Siffredi (GettyImages)
Rocco Siffredi (GettyImages)

La figura di Rocco Siffredi è conosciuta in tutto il mondo. Le sue gesta sono note e lo hanno reso uno dei volti principali del mondo hard nazionale e internazionale. È anche un discreto showman, come ha dimostrato durante l’Isola dei Famosi. Cosa che lo rende molto apprezzato dal pubblico italiano.

Anche lui, però, avanza di età e in una intervista al Corriere della Sera ha svelato che potrebbe presto abbandonare il suo mondo. Con una famiglia, alla soglie dei 60 anni, Rocco Siffredi potrebbe decidere di lasciare il mondo che lo ha reso celebre. Ecco cosa ha detto: “Mi guardo allo specchio e mi dico: ma che ci fai tu con le ventenni… Non mi sento più a mio agio davanti al corpo di una ragazza”.

Se la sua carriera è nota a tutti, meno lo è un particolare, drammatico, evento che lo ha colpito da piccolo. Riguarda un lutto all’interno della sua famiglia che lo ha segnato profondamente e che non potrà mai dimenticare.

Rocco Siffredi: la drammatica scomparsa del fratello

Il racconto della drammatica vicenda è stato fatto durante l’intervista a Ti Sento. Programma di Rai2 condotto da Pierluigi Diaco. Lì, Rocco Siffredi si è lasciato andare al ricordo del passato che lo ha segnato profondamente. Il momento è quello della scomparsa di suo fratello e della successiva sofferenza della madre.

Lui aveva 6 anni ed ecco la sua testimonianza: “Mia madre l’ho vista soffrire sempre. Una donna che per un figlio di 12 anni per una crisi epilettica, io ne avevo 6, e tutto ad un tratto impazzisce… Mia mamma metteva da mangiare sul tavolo anche per mio fratello Claudio che non c’era più”.

LEGGI ANCHE >>> Rocco Siffredi, conoscete il suo “erede”? Già fa discutere

Il ricordo si trasferisce al momento precedente alla notizia, quando lui era a scuola. “Sono all’asilo, mi vengono a prendere: non come al solito mia sorella ma una vicina di casa. Mi porta a casa e io sento le grida sotto casa… Quel giorno ha cambiato la nostra famiglia“. Un dolore lacerante che l’attore ha portato con se per tutta la vita. Come ha portato dentro di lui anche il ricordo di suo fratello.