Salvini, fiducia a tempo al Governo: solito “ricatto” della Lega

Il Governo Draghi si trova davanti alcune questioni molto urgenti. Il leader della Lega, Matteo Salvini ha annunciato il sostegno ma solo in un caso.

Matteo Salvini (GettyImages)
Matteo Salvini (GettyImages)

Matteo Salvini è tornato a parlare di vari argomenti. L’esposizione mediatica è arrivata a seguito dall’assenza del suo partito dal Consiglio dei ministri. In questa occasione i ministri leghisti non si sono presentati. L’oggetto del contendere sarebbe una delega fiscale che proprio non va già al partito di Salvini.

La tensione nella maggioranza non accenna a calare. Salvini, ai giornalisti fuori da Montecitorio, ha fatto capire tutto il suo disappunto. Ha sottolineato come il sostegno al governo non manchi ma a patto che non ci sia un aumento delle tasse. Un “ricatto” in pieno stile comunicativo salviniano.

Per questo motivo, la Lega si è astenuta dalla possibilità di un aumento delle tasse. Il capo del Carroccio ha detto: “La Lega non darà mai il suo ok a un aumento delle tasse. Io sono in questo governo per ridurre le tasse, non per aumentarle”. Ancora uno scontro con il governo Draghi su una delega fiscale che, a parer suo, è preludio di aumento delle tasse.

Salvini: ecco l’obiettivo della sua richiesta

Il discorso della Lega ricade su una delega fiscale che riguarderebbe la casa. Ha chiesto al Parlamento di modificare determinati passaggi per eliminare qualsiasi traccia di riforma del catasto e di patrimoniale sulla casa. Un argomento che sembra stia veramente a cuore al leader della Lega.

Nonostante un piccolo “ricatto”, Salvini ha annunciato di come la Lega resti all’interno della maggioranza. Anzi, ha parlato anche di Conte e Letta in relazione ad una loro possibile uscita. Presa di posizione dovuta al fatto che il Parlamento abbia concesso la fiducia a Draghi così da abbassare le tasse.

LEGGI ANCHE >>> Elezioni comunali, come sono andati i No Vax? Risultati Incredibili

Il suo discorso si è chiuso con il non accettare le rassicurazioni. Ma ha preteso fatti concreti. La casa, come dice Salvini, è un bene già tassato e le tante persone proprietarie di un immobile non possono avere ancora più tasse da pagare. Situazione da monitorare visto che l’aumento delle tasse è un argomento attuale e che preoccupa gli italiani.