Il dramma di Samanta Togni: “Ora devo guardare in faccia alla realtà”

Samanta Togni è sospesa tra la passione per la danza e un’inaspettata carriera come conduttrice. Pare abbia scelto cosa fare del suo futuro.

Samanta Togni (Instagram)
Samanta Togni (Instagram)

Una carriera da conduttrice abbastanza fulminante, quella di Samanta Togni. Prima il successo al fianco di Giancarlo Magalli con I fatti vostri su Rai 2. Poi il difficile esperimento di successo, in solitaria, al timone di Domani è domenica sulla stessa rete.

Ma la bella vincitrice dell’undicesima edizione di Ballando con le stelle nasce appunto come ballerina. Quasi letteralmente. A 3 anni le prime lezioni. A 13 la finale del Blackpool Dance Festival. A 18 il premio coppia di Ballo USA con il ballerino Maksim Chmercovskiy. Poco dopo, anche la vittoria ai Miami Open Under 21.

Infine, il ruolo di maestra a Ballando con le stelle. Insomma, la danza è stata parte integrante della sua vita, vissuta in simbiosi con essa. Adesso pare che il un ciclo si sia concluso. Una scelta impossibile quella tra conduzione e ballo. Ma Samanta pare averla compiuta.

Samanta Togni tra danza e Tv: la scelta è sofferta

Non è facile. Samanta lo dichiara con sofferta sincerità, rispondendo ad una domanda di Super Guida Tv: «vorrei continuare con la conduzione. Continuerò a seguire la pista da casa perché sono arrivata ad un’età in cui bisogna prendere coraggio e guardare in faccia alla realtà. La danza rimarrà sempre nel mio cuore ma non tornerò in pista».

Il suo addio alla danza pare dunque definitivo e senza appello. Samanta Togni, classe 1981 e quarant’anni compiuti da poco, è rassegnata a dover appendere le scarpette al chiodo a causa dell’età che avanza.

LEGGI ANCHE >>> Samanta Togni e il marito: dal colpo di fulmine alla scelta per amore

Il successo del suo debutto come conduttrice l’ha convinta a prendere una decisione che sarebbe comunque stata procrastinata solo di poco. Il pubblico avrà probabilmente modo di apprezzare Togni alla conduzione per molti anni, ma la tristezza per una carriera leggendaria che finisce è comunque tanta.