Valentino Rossi, i 5 incidenti del “dottore”: le cadute più famose

Vediamo tutti gli incidenti più brutti e famosi che hanno seriamente compromesso la carriera di Valentino Rossi in diverse occasioni.

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

Oggi sapremo come sarà il futuro di Valentino Rossi. Infatti, c’è grandissima attesa per la conferenza stampa straordinaria voluta dal “dottore”, in programma alle ore 16:15 di questo pomeriggio. A 42 anni e 26 stagioni del Campionato del Mondo MotoGP, il pilota ha deciso cosa farà la prossima stagione.

Rossi è uno degli sportivi più forti della storia, capace di raggiungere i massimi vertici del Motomondiale per anni e trovar sempre il modo di vincere e convincere i suoi fan. Tuttavia, la sua lunga carriera è stata più volte compromessa da incidenti che hanno fatto temere per la sua salute. Vediamo le sue 5 cadute più famose.

Mugello 2010

Tra gli incidenti più ricordati e temuti di Valentino Rossi è impossibile non citare quello delle prove libere al MotoGP del Mugello 2010. In quell’occasione il “dottore” è stato sbalzato dal posteriore mentre stava facendo la curva Biondetti. Le immagini fecero subito il giro del mondo, con Valentino che si teneva stretta la gamba.

La caduta a “casa sua” gli costò la frattura scomposta ed esposta della tibia e perone della gamba destra. Rossi dovette saltare 4 gare e salutare il suo decimo titolo mondiale, terminando il campionato alle spalle di Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa.

Jerez 2011

Per Valentino Rossi quella di Jerez 2011 era la seconda gara del suo primo anno in Ducati. Il “dottore” in quell’occasione partì 12° e iniziò uno dei suoi recuperi prodigiosi, ma non aveva fatto i conti con quello che sarebbe successo dopo.

Non solo Valentino toccò Casey Stoner, cadendo e compromettendo la sua gara (arrivò quinto) e quella dell’avversario che poi si ritirò, ma iniziò degli attacchi verbali con il collega che continuarono sia nel post gara che nei giorni seguenti.

Mugello 2013

La foga di casa è sempre diversa rispetto alle altre piste, e questo Valentino lo sa molto bene. Infatti, due anni dopo, Rossi si rende protagonista di un’altra spettacolare caduta proprio durante la gara del Mugello del 2013.

Il numero 46 viene coinvolto in un grave incidente con Alvaro Bautista. Il pilota spagnolo chiude la traiettoria al “dottore” ma l’azione non va a buon fine ed entrambi finiscono contro le barriere della pista ad alta velocità. Nonostante la grande paura, i due piloti restano fortunatamente illesi.

Aragon 2014

Tra gli incidenti più brutti e pericolosi di Valentino Rossi, dobbiamo necessariamente menzionare il Gran Premio di Aragon 2014. Durante la gara il pilota di Tavullia ha fatto una paurosa carambola su se stesso ed è finito a terra. Spaventando milioni di persone in tutto il mondo.

Il “dottore” è stato diversi minuti a terra immobile, facendo tremare tutti gli appassionati di MotoGP. Tuttavia, poi si stabilì che ebbe solo un trauma cranico e la TAC diede esito negativo.

Motocross 2017

Qualche giorno prima del Gran Premio del Mugello 2017, Valentino aveva deciso di farsi un giro in Motocross per concentrarsi sulla gara. Tuttavia, è proprio in quell’occasione che Rossi si fece protagonista di un altro terribile incidente.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi realizza un sogno: l’impresa che rincorreva da tempo (VIDEO)

Il “dottore” aveva sbattuto con violenza il torace e l’addome dopo aver effettuato un salto. Il numero 46 fu trasportato e ricoverato in ospedale. Nonostante gli acciacchi del post incidente, Rossi decise comunque di gareggiare al Mugello, dove chiuse la gara al quarto posto.