Isola dei famosi, dramma per l’ex naufraga: sta male

Fariba Tehrani, popolare ex naufraga, sta riscontrando notevoli problemi di salute. Ciò che preoccupa è che i medici non sappiano cos’abbia.

Fariba Tehrani (Instagram)
Fariba Tehrani (Instagram)

Un’odissea per un ex naufraga dovrebbe essere pane quotidiano: ma con la salute non si può e non si deve scherzare. Fariba Tehrani, madre di Giulia Salemi e concorrente della quindicesima edizione de l’Isola dei Famosi, continua a sperimentare problemi di salute che i medici faticano a risolvere e anche a motivare.

Dolori all’addome e all’intestino, temperatura febbrile, malessere diffuso e sempre più lancinante. Fariba continua a non stare bene. C’è da preoccuparsi? La sua ultima visita in ospedale non ha migliorato o chiarito la situazione.

Fariba Tehrani, il mistero sulla salute dell’ex naufraga

Gli esami clinici e gli accertamenti a cui Fariba si è sottoposta all’ospedale pubblico di Piacenza non hanno dato gli esiti sperati. Non si è riusciti ad identificare la radice del problema, e quindi a comprendere come agire affinché la ex concorrente del reality isolano possa riprendersi.

La Tehrani, infatti, sperimenta questi persistenti problemi ormai da tempo. L’Isola non le aveva giovato particolarmente alla salute, e dal suo rientro aveva cominciato una terapia antidolorifica a causa di due costole incrinate.

Già il mese scorso si era sottoposta ad altri test, sempre inconcludenti. «Mi hanno detto che non so cosa ho, non mi hanno fatto neanche l’ecografia non si capisce cosa non va alla pancia», ha commentato sconsolata e legittimamente preoccupata. L’influencer si è poi lamentata, tra l’altro, dei costi eccessivi della sanità pubblica.

LEGGI ANCHE >>> Fariba Tehrani cosa fa oggi dopo L’Isola dei Famosi? L’amore per Giulia

La mancata diagnosi non ha tuttavia compromesso la tempra della 59enne: “una donna forte”, come lei stessa ha sottolineato con i fan sui social, che riuscirà a cavarsela senza conseguenze gravose anche in questo caso. Adesso non rimane che rivolgersi ad uno specialista e sottoporsi a visite ancora più approfondite.