Belen Rodriguez sulla sedia a rotelle: cosa è successo

Preoccupazione per Belen Rodriguez. La showgirl durante le registrazione di Tu si que vales, ha accusato un malore così da essere portata via in sedia a rotelle.

Belen Rodriguez in lacrime (Google Immagini)
Belen Rodriguez in lacrime (Google Immagini)

Conosciamo il mondo dello spettacolo, guai a rimanere indietro per qualsiasi motivo. Dopo la nascita di Luna Marì, erano già partite le voci su una sua possibile sostituzione dal programma Tu si que vales. Probabilmente, anche per questo, la showgirl argentina è tornata in sella alla svelta.

Ma le cose non sono andate nel verso giusto. Ha accusato un malore che ha preoccupato tutto e sarà stato dovuto al fatto che sono passati solo 7 giorni dal parto che ha dato alla luce sua figlia avuta con Antonino Spinalbese.

Lei già aveva saltato due registrazioni proprio perché era impegnata con il parto, per questo motivo ha voluto accorciare i tempi e essere presente nel minor tempo possibile. Non da sola, ma è andata a Roma, come dimostrato dal suo Instagram, insieme alla piccola appena nata.

Panico per Belen Rodriguez

La situazione è cambiata in pochi istanti per la showgirl. Tante cose hanno portato ad un piccolo malore. Cose come il caldo, la stanchezza e lo stress. Addirittura non riusciva a camminare ed è stata portata in ospedale in sedia a rotelle per precauzione.

Fortunatamente tutto è andato per il verso giusto. Belen ha voluto rassicurare tutti sui social con un “Ci sono”. Ha raccontato come tre flebo siano state miracolose e che l’abbiano aiutata a tornare in salute. Sarà ancora lei al comando della trasmissione insieme ad Alessio Sakara e Martin Castrogiovanni.

LEGGI ANCHE >>> Belen Rodriguez, Luna Marì in terapia intensica: cos’è successo?

Una novità potrebbe essere rappresentata da Giulia Stabile ma non per la trasmissione di Canale 5 ma per un ruolo social su Witty Tv. Un approccio morbido al mondo della televisione per la ballerina vincitrice di Amici che, come abbiamo visto, non aspetta nessuno.