Riceve il vaccino AstraZeneca: poco dopo si consuma il dramma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:37

Una donna di 52 anni in Australia è morta dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca. Ora sono in corso tutti i controlli del caso.

Vaccino AstraZeneca - immagine di repertorio (AdobeStock)
AstraZeneca – immagine di repertorio (AdobeStock)

Prosegue la campagna vaccinale in Italia non senza qualche preoccupazione per il vaccino AstraZenca. I casi, seppur rari, di trombosi hanno destato l’attenzione di una parte dell’opinione pubblica che chiede a questo punto maggiori controlli. Non che in questo momento non vi siano.

Il vaccino in questione, così come tutti gli altri, sono costantemente sotto osservazione. Ogni persona che ha presentato qualche problema in seguito all’inoculazione di uno dei farmaci è stato subito controllato. Ad oggi, sulla bilancia degli effetti, continuano a propendere i benefici piuttosto che le cose negative.

Purtroppo dall’Australia arriva un’altra triste notizia. Una donna di appena 52 anni, infatti, sarebbe morta dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca. Secondo l’Authority per il farmaco è probabile che a causa del siero sia stata affetta da una trombosi. A riportarlo è il Guardian.

Sotto osservazione gli effetti collaterali da vaccino

In Australia questo è il secondo caso dopo la morte di una donna di 48 anni ad aprile. Anche in questo frangente si era trattato di trombosi. Questo come sappiamo è uno di quei rari casi di effetti collaterali che stanno colpendo chi riceve il vaccino. Gli studiosi intanto stanno cercando di capire le varie correlazioni.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino, commette un grave errore: medico licenziato

Per quanto concerne l’Australia in particolare i casi di trombosi documentati in seguito all’inoculazione del vaccino AstraZeneca sono 48. Di questi 35 sono stati confermati e 13 ancora no. 31 sono stati già dimessi e 15 si trovano ancora in ricoverati. Una di queste persone verserebbe in gravi condizioni in terapia intensiva. Anche i casi di trombosi, se presi in tempo possono essere “disinnescati” sul nascere. Al momento la percentuale di persone che sono state vittime di effetti collaterali da vaccino è davvero bassissima.