La “vera” Gioconda è in vendita e non è quella del Louvre

Un caso clamoroso si sta verificando attorno alla Gioconda. Tra poco all’asta una versione che è stata considerata come quella ufficiale.

Gioconda (AdobeStock)
Gioconda (AdobeStock)

Chi non conosce la Gioconda di Leonardo da Vinci. Un quadro ormai immortale del genio toscano che fa ancora tanto parlare e discutere. Un’opera che ha ammaliato tutto il mondo e che ancora oggi è tra i più amati della storia.

Molti si chiederanno spesso quanto costi un gioiello del genere. Un quadro che è stato da sempre studiato, analizzato nei minimi dettagli e anche discusso sul significato intrinseco e sul soggetto con il suo sorriso enigmatico. Probabilmente, un pezzo del genere non ha davvero valore.

Ora si discute perché una versione è pronta per essere messa all’asta. Una versione che ha fatto molto discutere perché si credeva fosse quella originale a differenza di quella custodita al Louvre.

La Gioconda di Hekking sarà all’asta

Questa opera è la copia più celebre del capolavoro forgiato dal maestro del Rinascimento italiano. Essa risale al XVII secolo e, a differenza della Monna Lisa ufficiale, questa ha un prezzo. Questa opera è appartenuta al collezionista Raymond Hekking e ora si potrà acquistare tramite un’asta che si terrà dal 11 al 18 giugno.

Questo evento sarà ospitato nella sede di Parigi di Christie’s con una base d’asta di 200 mila euro. Con la possibilità di arrivare a toccare i 300 mila euro. Una occasione davvero molto invitante per tutti i collezionisti. Potrete portarvi a casa una versione davvero unica di un pezzo straordinario. Anche se della versione di Hekking furono realizzate diverse copie del XVI.

LEGGI ANCHE >>> Taranto, l’inatteso ritorno è un segnale di speranza per la città (FOTO)

Tra l’altro, Hekking fosse convinto di possedere la vera Gioconda. Un mistero che ancora oggi persiste dato che lo storico Giorgio Vasari nella sua spiegazione del quadro non poterebbe a quella custodita nel museo francese, che di fatto non sarebbe quella ufficiale. Un mistero, appunto, che sarà impossibile svelare ma che è anche un pezzo importante che fornisce ulteriormente valore all’opera di Leonardo.