Denise Pipitone, sconvolgente testimonianza a Mattino 5: “Hanno paura”

Durante Mattino 5 si è tornati a parlare di Denise Pipitone. Un ex ufficiale delle forze dell’ordine ha rivelato le paure degli abitanti.

Denise Pipitone (Google Images)
Denise Pipitone (Google Images)

Si continua ad indagare sul caso Denise Pipitone. La bambina è sparita da Mazara del Vallo ormai 17 anni fa. Si cerca di capire chi l’abbia strappata dalle mani della madre Piera Maggio quel giorno di settembre. La stranezza che persiste però è che nessuno o quasi parla.

La bambina, infatti, sembra essere scomparsa completamente nel nulla, come se si fosse dissolta. Nessuno ha visto niente. Nelle ultime settimane però qualcosa sembra finalmente muoversi. In particolare è arrivata una lettera all’avvocato Frazzitta di una persona che dice di essere informata sui fatti.

Denise Pipitone: perché nessuno ha visto niente?

Nella missiva questo anonimo descrive di aver visto la piccola Denise Pipitone urlare da una vettura insieme a 3 uomini. Da tempo il legale della famiglia ha fatto un appello a questa persona affinché si palesasse. Senza la sua testimonianza diretta, infatti diventa poi complicato costruire tutto il castello accusatorio e ripercorrere anche il cammino della piccola fatto in questi anni.

LEGGI ANCHE >>> Denise Pipitone, giornalisti di Chi l’ha visto? aggrediti a Mazara

Intanto a Mattino 5 questa mattina hanno intervistato un ex ufficiale delle forze dell’ordine che ha raccontato la propria versione dei fatti su quanto accaduto: “Il procuratore Di Pisa arriva a Marsala quattro anni dopo la sparizione della bambina e non credo che in quel momento le indagini su Denise fossero così attive. La storia delle sentinelle è un classico. Mazara è un paese piccolo e anche chi non è colpevole ha paura di restare incagliato in qualcosa. Magari con il malaffare che sta facendo anche se non c’entra nulla con la bambina. Molte bugie possono essere dette per coprire affari loschi”. Insomma ecco spiegato, almeno secondo questo anonimo signore, il motivo di tanto silenzio.