“Vaccini? Gli italiani fanno bene ad avere paura”: la frase shock dell’ematologo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25

La polemica sui vaccini è ancora viva. A fare la voce grossa ora è il professor Bellavite che li ha dichiarati a suo dire ancora sperimentali.

Vaccini (AdobeStock)
Vaccini (AdobeStock)

Non si placano le polemiche per quanto riguarda i vaccini. Come sappiamo alcuni farmaci hanno evidenziato delle controindicazioni che sono state riconosciute dalle stesse case farmaceutiche. Proprio l’allarmismo generale ha portato ad ulteriori controlli che hanno portato a galla alcuni effetti collaterali in casi molto rari.

I vaccini sono stati dichiarati quindi nuovamente tutti sicuri. Certo tutto questo non ha aiutato la campagna vaccinale che ha subito uno stop. Ora però sembra essere ritornata a pieno regime anche se c’è chi sostiene ancora la linea no vax.

Nuova polemica sui vaccini

Durante la puntata di DiMartedì dello scorso 4 marzo a creare nuovamente polemica ci ha pensato il professor Paolo Bellavite dell’Università di Verona. Durante il programma infatti ha dichiarato: “La paura c’è e credo che in un certo senso gli italiani abbiano ragione. Non abbiamo tante certezze sulla correlazione beneficio-rischio. Dobbiamo sapere che siamo ancora in fase di sperimentazione”.

Parole forti che hanno lasciato un po’ sbigottiti gli ospiti presenti in studio, alcuni dei quali hanno anche risposto a tono al professore. A spaventare gli italiani sono proprio queste profonde differenze di vedute tra gli scienziati. Bellavite è un ematologo e ha acceso il dibattito in studio.

LEGGI ANCHE >>> Vaccini, cosa succede adesso? Le dichiarazioni di Figliuolo

Sono tanti però a pensarla come lui se non pure peggio. Il problema è che queste opinioni contrastanti creano ansia nella popolazione e rallentano il processo di vaccinazione che già non sta viaggiando a gonfie vele. L’obiettivo, infatti, è quello di riuscire a somministrare i vari farmaci a tutti per poter raggiungere l’immunità totale. Staremo a vedere nei prossimi giorni se queste parole creeranno una nuova isteria di massa.