Il calciatore simbolo malato di cancro: il commovente post su instagram

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:22

Il capitano del Lecce Mancosu ha svelato su Instagram a tutti di avere una bruttissima malattia. La decisione che ha preso non è da tutti. 

Mancosu (GettyImages)
Mancosu (GettyImages)

Il caso accaduto al capitano del Lecce, Mancosu, ha voluto condividere con tutti la sua terribile esperienza. Ci ha mostrato grande sensibilità e ci ha fatto capire come, alla fine, al di là delle rispettive postazioni noi siamo tutti uguali.

Lo stop è stato forzato ma questo non gli ha permesso comunque di terminare la stagione in anticipo. Ha saltato solo quattro partite perché si è operato lo scorso 26 marzo. Per poi ritornare in campo contro il Cittadella.

Mancosu, il post che svela la dolorosa verità

La sua storia incomincia quando gli hanno detto che doveva operarsi di appendicite. Così non è stato, il problema era ben più grave e serio. Il primo pensiero, condiviso nel post, è stato per la moglie che poco tempo fa ha visto la scomparsa del padre per la stessa terribile malattia e le tante paure, come non poter vedere crescere la figlia.

LEGGI ANCHE >>> Calcio, nuovo scandalo dell’AIA: ecco cosa facevano gli arbitri

Nonostante i medici gli hanno comunicato di una stagione finita. Lui non si è perso di animo ed è ritornato in campo per tentare di portare il Lecce in Serie A. La sua forza di volontà gli ha fatto prendere una decisione non da tutti. Sarebbe dovuto andare a Milano per capire se dovesse proseguire le cure ma ha rimandato il tutto per continuare a fare il lavoro che ama e fa da sempre. Di tutto questo se ne riparlerà a fine stagione, momento in cui si dovrà prendere atto di uno stop forza per sottoporsi alle cure.

Solo ora ha svelato il tutto perché ha sentito il dovere di scusarsi con le persone a cui ha mentito. Non lo ha fatto prima per riservarsi momenti intimi con la sua famiglia. E si può dire che dopo quel 26 marzo sia nato un nuovo Mancosu.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Mancosu (@markixeddu)