Ing, una grande novità per tutti i correntisti: c’è già chi storce il naso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10

In queste ore la banca Ing sta inviando un’importante comunicazione a tutti i propri clienti che cambierà per sempre il loro modo di operare.

Ing (AdobeStock)
Ing (AdobeStock)

Negli ultimi mesi il Governo ha dato una seria accelerata all’utilizzo della moneta elettronica. L’Italia, infatti, in tal senso ha un gap profondo con le altre nazioni europee dove da anni è possibile pagare con il bancomat praticamente qualunque cosa. Per invogliare i cittadini ad utilizzare le proprie carte l’esecutivo ha immesso il cashback, che ha subito avuto un grande successo.

Questo cambiamento ha portato Ing a rivedere i propri piani. Recentemente alcuni clienti stanno ricevendo un’email dove li si avvisa che da luglio chiuderanno tutte le filiali e gli ATM. Attualmente i bancomat del conto arancione in Italia sono ben 62.

Ing punta tutto o quasi sul digitale

Per prelevare quindi i clienti dell’istituto di credito olandese dovranno utilizzare gli ATM delle altre banche. In particolare coloro i quali hanno aperto un conto corrente prima di novembre 2018 possono prendere ovunque i propri soldi a costo zero con un minimo di 50 euro per usufruire di questa condizione. Per i prelievi inferiori a tale cifra, invece, si applica una commissione di 0,45 centesimi.

Coloro i quali hanno aperto un conto dopo novembre 2018, invece, non pagano nulla se hanno un modulo zero vincoli (accredito mensile di stipendio/pensione di almeno 1.000 euro al mese). Senza tale modulo, invece, i prelievi costano 0,75 cent.

LEGGI ANCHE >>> Ubi Banca, è rivoluzione: cosa cambia per i correntisti?

Le sedi Ing non chiuderanno totalmente. In Italia, infatti, resteranno 17 arancio store. In totale i luoghi fisici si ridurranno da 30 a 23. Naturalmente alcuni clienti già mugugnano sulla novità. La banca olandese però assicura che nessuno verrà lasciato indietro e che tutti continueranno a ricevere un ottimo servizio. Staremo a vedere. L’idea è quella di ridurre sempre di più le sedi fisiche e puntare sul digitale, ma in un Paese che in tal senso è indietro anni luce è sempre complicato fare una cosa del genere.