WhatsApp, dal 15 maggio cambia tutto: arriva una rivoluzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:31

Alcuni utenti di WhatsApp riceveranno nei prossimi mesi alcune sorprese. Un nuovo aggiornamento porterà un cambiamento nell’app.

WhatsApp (Getty Images)
WhatsApp (Getty Images)

WhatsApp è da sempre una delle applicazioni di messagistica più in voga. Il suo exploit ha portato nel 2014 all’acquisizione da parte di Facebook della piattaforma per la cifra record di 19,3 miliardi di dollari. Dopo che la società di Zuckerberg ha comprato la famosa app però si sono registrati alcuni problemi che hanno spinto diversi utenti a spostarsi su nuove piattaforme come Telegram.

In questi anni Facebook ha provato a modificare WhatsApp inserendo componenti da altri social come le stories. Ora però potrebbe arrivare una vera e propria rivoluzione per tutti gli utenti. Dal prossimo 15 maggio, infatti, dovrebbe cambiare la gestione dei dati sensibili che dovrebbero passare tramite Facebook.

LEGGI ANCHE >>> Danni incalcolabili a causa di questo SMS, il pericolo è letale

Dove arriverà il cambio di privacy per WhatsApp?

Questo discorso per il momento non riguarda gli europei, ma in altri paesi sono già arrivati i primi messaggi. Nei giorni scorsi si era diffusa la notizia che WhatsApp avrebbe condiviso i dati degli utenti con Facebook per scopi pubblicitari. Niamh Sweeney, direttore delle politiche dell’azienda di messaggistica per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa ha però smentito tale news per i cittadini del vecchio continente.

Intanto però in altre zone del messaggio il messaggio di un cambio delle impostazioni della privacy è arrivato. Nei prossimi mesi quindi tutto questo potrebbe accadere anche in Europa. Negli anni WhatsApp ha dovuto affrontare molte sfide. Spesso, infatti, è finita per essere oggetto di notizie false. Proprio per questo bisogna andare con i piedi di piombo sull’argomento.

Sappiamo che nel resto del mondo ci sarà un cambio della privacy nella piattaforma. Allo stesso tempo però non possiamo sapere se questo avverrà anche in Europa e se riguarderà la condivisioni di contenuti pubblicitari. Staremo a vedere nei prossimi mesi.