Scende dall’auto per aiutare, ma diventa protagonista di una tragedia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:31

Un giovane ragazzo, militare, è sceso dalla propria auto per prestare soccorso, ma si è ritrovato protagonista di una tragedia.

Tragedia in autostrada - immagine di repertorio (Google Images)
Tragedia in autostrada – immagine di repertorio (Google Images)

I ragazzi del nostro esercito sono sempre pronti a dare una mano. L’abbiamo visto e apprezzato durante questa pandemia. Moltissimi giovani, infatti, si sono impegnati per compiti di svariato genere aiutando l’Italia in questo momento così complicato. Alcune truppe si sono occupate della distribuzione di viveri, altre del controllo sul territorio durante il periodi di lockdown ferreo.

Quello che è capitato a Riccardo Maestrale, 22 anni, ha davvero dell’incredibile. Il ragazzo, originario di Milazzo era un militare dell’esercito, in servizio a Cosenza. Attento e sempre preciso sul lavoro è stato vittima di un episodio davvero molto sfortunato.

LEGGI ANCHE >>> “Mister a domani”: il calciatore non è mai arrivato a casa

Voleva solo aiutare, ma è finita in tragedia

LEGGI ANCHE >>> Accosta per evitare incidenti, poi si consuma il dramma

Il giovane, infatti, si trovava sull’autostrada A20, all’altezza del viadotto Tarantonio. Si trovava in direzione Palermo, a pochi passi dall’uscita di Villafranca Tirrena in provincia di Messina quando ha notato un grave tamponamento pochi metri più avanti. A quel punto il ragazzo non ci ha pensato su due volte ed è subito sceso dalla vettura per prestare soccorso.

Purtroppo però, appena Riccardo è sceso dalla sua auto, è stato subito centrato in pieno da una Ford EcoSport che arrivava da dietro. Per il giovane non c’è stato niente da fare. Il militare viaggiava su una Peugeot 208 insieme al fratello Francesco, 27 anni. Anche quest’ultimo è stato coinvolto nell’incidente e attualmente è ricoverato nel reparto di Rianimazione del Policlinico di Messina in gravi condizioni. Da parte della nostra redazione vanno le più sentite condoglianze alla famiglia e l’augurio che possano presto riabbracciare quantomeno l’altro figlio.