Sanremo 2021 per uno dei big spunta l’accusa di plagio: la replica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

Sanremo 2021, a poche ore dalla seconda puntata esce fuori una accusa di plagio per uno dei big in gara, o meglio un gruppo. Ecco di chi si tratta.

Sanremo 2021 Maneskin
foto facebook

Si torna a parlare del Festival di Sanremo 2021 che in queste ore è in fermento e non solo per la messa in onda della seconda puntata ma anche per le sorti di Irama che è costretto alla quarantena dopo la positività di un membro del suo staff e che rischia il ritiro.

Ma nel frattempo di capire quale saranno le decisioni che prenderà la kermesse canora, ci spostiamo su un gruppo di altri big che si sono esibiti proprio ieri sera e che oggi sono stati accusati di plagio con il loro brano.

Si tratta del Maneskin che per la prima volta all’Ariston hanno debuttato con il brano Zitti e buoni, ma cerchiamo di capire qualche cosa in più come ad esempio chi è che li accusa.

LEGGI ANCHE>>> Sanremo 2021 Irama si ritira ma Amadeus fa la proposta

LEGGI ANCHE>>> Sanremo 2021, Elodie conquista con il suo look

Sanremo 2021 Maneskin accusati di plagio, la replica

foto Instagram

Sanremo 2021 Maneskin accusa ti plagio dopo l’ascolto del brano Zitti e buoni di ieri sera nella prima puntata della kermesse canora, ad accusarli produttore Dade, (cofondatore, bassista e chitarrista dei Linea 77) che ha postato tutto sui social.

Secondo quanto viene affermato dal produttore, il brano dei giovani cantanti sarebbe stato in parte copiato dalla canzone del 2015, “F.D.T. – Fuori di testa” di Anthony Laszlo, notizia che ha fatto in poco tempo il giro del web e che questa mattina è stata sottoposta in conferenza stampa al vice direttore della Rai Fasulo che ha ammesso di non avere avuto una richiesta ufficiale, dichiarandosi pronto ad ascoltare tutti.

Ad ogni modo, dopo queste parole ad intervenire è stata proprio la Sony, casa discografica del gruppo italiano che ha ammesso: “in merito alle notizie emerse di una possibile somiglianza del brano dei Maneskin, Zitti e buoni rispetto a un brano già edito, si evidenzia che non solo non vi è presenza di plagio melodico sulla linea vocale (quello principalmente viene tutelato dalle attuali leggi in vigore) ma non vi è neppure un plagio strumentale sulla stessa struttura armonica come si evince da perizia tecnica di Sony”. Vedremo che cosa accadrà.