Wilma Faissol, la moglie di Francesco Facchinetti svela tutta la verità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:06

Wilma Helena Faissol sul suo profilo social porta tanta verità, la fashon blogger che ha sposato Francesco Facchinetti si racconta senza maschere ai suoi follower, ecco l’ultima rivelazione.

In un era in cui si cerca la perfezione a suon di like su Instagram Wilma Helena Faissol è certamente un raggio di luce e speranza. Talentuosa ma sopratutto intelligente, non si nasconde dietro alcun filtro, per questo il suo profilo è così popolare su Instagram.

Wilma non fa sconti a nessuno e neanche a se stessa, per questo non stupisce che abbia parlato a cuore aperto dei suoi interventi al seno, spiegando le ragioni che l’hanno portata a prendere questa decisione.

LEGGI ANCHE>>>Francesco Facchinetti sbotta: “mi danno del ridicolo e poi mi imitano”

LEGGI ANCHE>>>Francesco Facchinetti, quell’incontro fatale: “è inciampata su di me”

Wilma Helena Faissol, ecco perché si è rifatta il seno

Dalla terapia di coppia alla famiglia allargataFrancesco Facchinetti e Wilma Helena Faissol hanno dimostrato grande intelligenza e apertura mentale. I due hanno condiviso con il loro pubblico diversi aspetti del loro privato, mostrando come con amore e impegno sia possibile far funzionare anche le situazioni apparentemente insormontabili.

Wilma da tempo ha iniziato a interagire con i suoi follower, consigliandole e raccontandosi su diversi aspetti della vita e della femminilità e proprio oggi ha affrontato il tema della chirugia. In particolar modo ha ammesso di essersi sottoposta a due interventi al seno.

A circa 21 anni si è sottoposta al primo intervento, per aumentare la sua prima scarsa e avere un décolleté più formoso. Due anni fa ha deciso di sottoporsi a un secondo intervento “Si erano sposate” ha infatti ammesso sul suo profilo Instagram.

Ha spiegato di aver notato un cambiamento nel suo seno dopo aver allattato la piccola Liv “Presumo sia perché, avendo poco latte, e una voglia assurda di allattare, mentre usavo il tiralatte ho esagerato nel massaggio che si può fare per liberare il latte.”

Come se stesse parlando con delle sue amiche al bar, Wilma si è confidata a cuore aperto svelando “Ero talmente ossessionata e disperata che schiacciavo il seno, lo giravo, spremevo, tiravo pugni.” Una storia nella quale molte altre mamme, desiderose di proseguire con l’allattamento, si sono forse ritrovate.