Lidia Schillaci, il dramma indelebile dell’infanzia: dal dolore alla riconciliazione

Lidia Schillaci il dramma dell’infanzia. Il rapporto con il padre: dal dolore per l’abbandono alla riconciliazione. La storia della cantante

Foto da Instagram. @lidiaschillaci

Lei è Lidia Schillaci, 37 anni il prossimo marzo. Oggi è una stimata cantante, nonché compositrice che è salita alla ribalta per il suo talento e la sua bravura. Sono molte, in effetti le sue partecipazioni televisive di rilievo: a partire da Operazione Trionfo, passando per Ballando con le stelle fino a Tale e Quale show. Senza dimenticare che recentemente è uno degli “affetti stabili” di Serena Bortone Oggi è un altro giorno.

La Schillaci colpisce per la sua grande energia e una sicurezza che stupisce ad immaginare che quando era giovane la situazione era tutta un’altra. Era infatti una ragazza insicura. Un’insicurezza frutto di un dramma adolescenziale che è partito dalla sua infanzia. Una sofferenza dovuta ad alcuni problemi famigliari.

LEGGI ANCHE >>> Carlo Conti, che scommessa! Ma la sfida importante vinta è un’altra

LEGGI ANCHE >>> Serena Bortone rimproverata dalla sua ospite: “è un programma serio”

Lidia Schillaci, il dramma dell’abbandono del padre: una ferita insanabile fino alla riconciliazione

Lidia Schillaci
Foto da Instagram: @lidiaschillaci

In una vecchia intervista del 2019, rilasciata per il settimanale Diva e Donna, Lidia ha raccontato il dramma famigliare che l’ha segnata nella sua infanzia e nella sua giovinezza: “Mio padre ci ha abbandonato: io avevo quattro anni e mezzo, mio fratello uno solo meno di me e mia sorella, la più piccola, era ancora nella pancia di mamma che, così si è trovata da sola con tre figli e aveva poco più di venti anni”.

Dopo questa botta così spiazzante, la mamma decise di crescere i tre figli con l’aiuto della famiglia. Così si trasferirono a Castellamare del Golfo, dove abitavano i nonni e la zia: “sono cresciuta con loro, per anni ho abitato a casa dei nonni“.

Molti anni dopo, però, il papà è ritornato animato dalle migliori intenzioni. Ha riprovato, così a cercare moglie e figli, cercando di recuperare il tempo perduto.

Anni dopo il padre è tornato a cercare la moglie e i figli, nel tentativo di riparare al torto fatto loro e con l’obiettivo di caricarsi di quella responsabilità dalla quale era scappato in precedenza. Se all’inizio è stato difficile riallacciare i rapporti, oggi l’uomo è presente per i suoi figli, avendo instaurato un rapporto sereno, dimenticandosi del passato.