Schemi di governo: rimpasto M5S. Intanto Conte ha costituito il suo gruppo

Il nuovo governo sposta ministeri, il rimpasto M5S è all’orizzonte. Intanto conte ha formato il suo gruppo, è la base per un nuovo partito

Coronavirus
foto facebook Ministro Paola De Micheli

Sulla graticola ci sono i nomi di De Micheli e Catalfo, sarebbero le titolari del Ministero dei trasporti e del Lavoro a rischiare più di tutti. Sul punto di lasciare la sua posizione potrebbe esserci anche Bonafede, il guardasigilli e ambasciatore del giustizialismo pentastellato ha rappresentato il motivo dello scontro da non combattere. Insomma, quello del rimpasto è un problema tutto cinque stelle. Poche discussioni sui nomi proposti dal Partito Democratico, compreso Speranza unico esponente di LeU ma a capo di un ministero prezioso e mai come quest’anno importantissimo.

Uno dei nodi della discordia potrebbe essere questo rimpasto M5S. Se il partito delle stelle si opporrà, trovare la quadra risulterà davvero complesso. Senza considerare che l’appoggio degli esuli di FI e l’eventuale rientro di Renzi costerà qualcosa.

LEGGI ANCHE >>> E se il prossimo Presidente del Consiglio fosse.. Giuseppe Conte?

LEGGI ANCHE >>> Il Governo verso lo scontro decisivo, Berlusconi sta con Renzi

Schemi di governo: rimpasto M5S. Intanto Conte ha costituito il suo gruppo: fuori lady Mastella

“Si è costituito oggi il nuovo gruppo parlamentare Europeisti Maie Centro democratico”. Lo ha comunicato in apertura di seduta la presidente del Senato Elisabetta Casellati formalizzandone la nascita della neoformazione a Palazzo Madama. I componenti sono dieci: Andrea Buccarella, Adriano Cairo, Andrea Causin, Saverio De Bonis, Gregorio De Falco, Raffaele Fantetti, Gianni Marilotti, Riccardo Merlo, Mariarosaria Rossi e Tatjana Rojc. Fantetti sarà il presidente del gruppo, Causin il vice presidente.

Le curiosità su questo nuovo soggetto politico si sprecano. A partire da Tatjana Rojc, in prestito a casa Conte spedita direttamente dal Pd poichè fondamentale per raggiungere i numeri. Dunque un mano tesa dai dem al premier uscente, nonostante la forte componente forzista di cui il partito è composto. Out è rimasta invece Lady Mastella, nonostante le tante e tante trattative di questi giorni portyate avanti dal marito.