Caos Governo, il parere della Bellanova: “Di Maio premier? Nessun veto”

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Teresa Bellanova, una delle ministre dimessesi dall’esecutivo aprendo in questo modo la crisi che ancora si vive, dice la sua.

In questi giorni le consultazioni dei vari partiti con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sono chiaramente al centro dell’attenzione nazionale. Il Governo Conte, ormai in soffitta, lascerà posto ad un nuovo esecutivo. Alla guida del nuovo Governo, non è ancora chiaro chi possa esserci. Si è parlato del Conte ter, ma nelle ultime giornata l’ipotesi sembra perdere sostegno, in favore di una seconda figura, sempre negli ultimi giorni molto caldeggiata.

Si tratterebbe di Luigi Di Maio, che secondo indiscrezioni non dispiacerebbe nemmeno a Matteo Renzi, sempre che l’ex premier torni in ballo come possibile componente della maggioranza. A tal proposito sono molti all’interno del Movimento Cinque Stelle a riprendere in considerazione l’ipotesi di una ricucitura con Italia Viva e lo stesso Matteo Renzi. Nei prossimi giorni, sapremo quanto di tutto ciò sia realisticamente possibile.

LEGGI ANCHE >>> Crisi di Governo, la posizione della Bellanova:Non si pu ò tirare a campare

LEGGI ANCHE >>> Il Governo verso lo scontro decisivo, Berlusconi sta con Renzi

Caos Governo, il parere della Bellanova: “Partiamo dal programma”

“Di Maio premier? Noi partiamo dal programma, soprattutto non poniamo né subiamo veti –  dichiarato l’ex ministro di Italia Viva, Teresa Bellanova –  il partito non pone veti nemmeno su Conte, ma non c’è solo lui. Quello che ci interessa è come si affronta la crisi, non discutiamo gli uomini ma l’impianto programmatico”.

La stessa Teresa Bellanova, inoltre dichiara: “In questi giorni abbiamo sentito cose inascoltabili: noi non abbiamo disseminato mine ma fatto proposte. Altri hanno pensato di affidare pagelle sulla nostra affidabilità“. In questa fase, insomma, tutto è ancora da scrivere, da decidere, da considerare, o forse, il nuovo nome ed il nuovo Governo sono già pronti a prendere solo la via dell’ufficialità?”