Milioni di italiani esultano: 10 anni di multe cancellate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:37

I buoni pagatori storcono il naso ma milioni di italiani esultano per la decisione della Cassazione dell’Agenzia delle Entrate.

Gli italiani precisi e ligi al dovere si sentono un pò presi in giro, ma di sicuro non potranno prendersela troppo per la decisione dell’Agenzia delle Entrate dopo una sentenza della Cassazione: milioni di italiani in piena crisi economica dovuta al covid potranno tirare un sospiro di sollievo. Secondo gli Ermellini, Equitalia negli ultimi anni ha forzato troppo la mano con le cartelle esattoriali piovute nelle case dei cittadini. E l’Agenzia delle Entrate, che ha preso in mano la situazione debitoria, ha deciso di darci un taglio netto.

Anzi, nettissimo dal momento che verranno di fatto cancellate milioni di sanzioni che riguardano il decennio che va dal 2000 al 2010. Una decisione che la politica ha salutato con posizioni ovviamente diverse. Da una parte c’è la preocupazione di chi governa che ha paura di creare un precedente pericoloso e in più si vede svuotare le casse, dall’altra – l’opposizione – si esulta perché non c’era modo migliore per aiutare gli italiani in crisi covid.

LEGGI ANCHE >>> Equitalia azzera tutto: multe e cartelle esattoriali, ecco chi può beneficiarne

LEGGI ANCHE >>> I clienti le lasciano i soldi per le multe, il gesto per aver sfidato le regole Covid

Milioni di italiani esultano: 10 anni di multe cancellate, vediamo quali

Con l’Ordinanza n. 28072/2019 emanata dall’Agenzia delle Entrate, di fatto diventano nulle tutte le cartelle esattoriali e le multe che si riferiscono al periodo che va dal 2000 al 2010. Compresi bollo auto non pagato e fermi amministrativi. Ad inizio anno c’era forte preoccupazione per l’arrivo di almeno 50 milioni di buste verdi a casa degli italiani, ma ci ha pensato la Cassazione a mettere a posto le cose e a togliere la paura.

Quelli che hanno sempre pagato regolarmente le tasse allo Stato si sentono un pò presi in giro, ma sicuramente in un periodo di crisi come questo non potranno che festeggiare anche loro se altri milioni di famiglie potranno respirare. Certo, esultano anche i furbetti per professione, ma questa è un’altra storia.