I vaccini non arrivano, il premier: “Notizie preoccupanti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:21

Ritardi accertati da parte dell’azienda fornitrice del avaccino tutt’ora in utilizzo nel nostro paese in questa fase.

Conte
Conte (Facebook)

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si è espresso in merito ai ritardi dell’azienda produttrice del vaccino tutt’ora in utilizzo nel nostro paese in questa prima fase di somministrazioni, ed annuncia notizie poco incoraggianti per il nostro paese. Dopo aver preso possesso dei dati e delle informazioni arrivate dalla casa farmaceutica Pfizer – Biontech. Apprese tutte le notizie utili a questo punto il paese ed il suo Governo si regoleranno di conseguenza, ed agiranno su ogni fronte per far valere le proprie ragioni, anche per vie legali.

Il premier Conte, ha cosi dichiarato: “Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti. Dapprima Pfizer-Biontech ha comunicato un rallentamento della distribuzione ai Paesi europei delle dosi di vaccino già programmate e questo sta penalizzando proprio i paesi che, come l’Italia, stanno correndo più velocemente: le Regioni italiane sono costrette a rallentare le nuove somministrazioni per assicurare il richiamo alle persone già vaccinate”.

LEGGI ANCHE >>> Recovery plan, Conte vede i sindacati: Occorre confronto costruttivo

LEGGI ANCHE >>> Il premier Giuseppe Conte a colloquio con il Presidente della Repubblica

I vaccini non arrivano, il premier: fase troppo delicata per il nostro paese per permettersi dei ritardi

Tali rallentamenti, chiaramente rischiano di compromettere l’intera campagna di vaccini. Il rischio di interruzione, nel momento in cui ci sarà bisogno delle secondi dosi per migliaia di persone è assai concreto, ma questo, ci si augura, non dovrebbe avvenire, in ogni modo. Il Governo è deciso a far falere le sue ragioni in ogni sede, contro questa grave violazione contrattuale.

Il premier Conte, ha inoltre dichiarato: “Ricorreremo a tutti gli strumenti e a tutte le iniziative legali, come già stiamo facendo con Pfizer-Biontech, per rivendicare il rispetto degli impegni contrattuali e per proteggere in ogni forma la nostra comunità nazionale“.