Gioia e commozione nel reparto, 20 bambini in poche ore: “Sono i figli del lockdown”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:18

Decine di nuove nascite in poche ore, questo il dato straordinario registrato presso l’ospedale. La causa? Il covid.

Quasi venti bambini in poco meno di due ore, questo lo strabiliante record dell’ospedale San Paolo di Savona. Un lavoro enorme per le infermiere del reparto di pediatria della struttura ligure, nascite inattese per numero, mai si sarebbe pensato, di questi tempi, di avere giornate come queste, in cui quasi 20 nascite si concentrano in pochissime ore della giornata, un dato incredibile se si pensa a quello che in genere succedeva negli ultimi anni.

Li hanno ribattezzati i figli del lockdown. Nascono ad con sconcertante precisione se si considera il periodo di gestazione ed il fatto che quasi un anno fa iniziavamo tutti, a restare chiusi in casa per il lockdown nazionale. Coincidenze che non sono certo sfuggite agli operatori sanitari dell’ospedale. Si aspettavano un picco delle nascite, considerata la situazione, ma finora non era ancora successo. Poi, di colpo, tutto è cambiato.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, il parere di Ricciardi: Lockdown di un mese o salta tutto

LEGGI ANCHE >>> Scozia, nuovo lockdown a partire da mezzanotte: stretta in tutto Regno Unito

20 bambini in poche ore: “Successo tutto ad aprile”

nascita, neonato

I figli dello scorso aprile insomma, a nove mesi esatti dal periodo in cui si era tutti in casa, e probabilmente questo ha contribuito a fare in modo che certi meccanismi di coppia, si mettessero in moto per favorire nascite su nascite. Cosi come del resto è poi avvenuto. Si attendono nuovi parti nelle prossime ore, la situazione è ancora tutta da considerare, sotto l’aspetto dei numeri, e gli operatori sanitari sono pronti all’ennesima giornata di fatiche.

“Tutti i bambini sono nati senza complicazioni –  hanno dichiarato la coordinatrice ostetrica Valentina Angius e quella di pediatria Monica D’Antonio. Siamo soddisfatte ed emozionate per l’affetto ricevuto dai neo genitori”.