Crisi Governo, Italia Viva decisa: “C’è uno stallo, serve soluzione politica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:18

La crisi di Governo continua a far parlare di se, chiaramente, ora il partito di Renzi grida allo stallo e cerca soluzioni.

Italia Viva parla di stallo, la situazione nel Governo è ferma, da quel che si è capito i renziani potrebbero prendere in considerazione l’ipotesi di sedersi di nuovo ad un tavolo con questo esecutivo, ma nello stesso Governo una parte consistente non vuole questo riavvicinamento. Chiaramente su tutti il Movimento Cinque Stelle, da subito dichiaratosi non disposto a nuove fasi interlocutorie con Matteo Renzi ed il suo partito.

Renzi che al momento resta spettatore di un domino causato dalla sua volontà di rompere il patto di Governo con l’attuale maggioranza. Operatori che per molti resta al momento incompiuta che no sta dando i risultati sperati, perchè, di fatto, il Governo stesso resta in piedi, e quindi, si da a Conte la possibilità di provare ad allargare la maggioranza con l’innesto di nuove figure e di conseguenze di nuovi appoggi in Parlamento, tra Camera e Senato.

LEGGI ANCHE >>> Crisi di Governo, Renzi ammette: Pronto ad un Governo di unità nazionale

LEGGI ANCHE >>> Renzi annuncia le dimissioni dei ministri di Italia Viva

Crisi Governo, Italia Viva decisa: “Nessun margine per ricucire”

Come detto, e cosi come annunciato più volte dagli stessi esponenti politici, nessun margine di riavvicinamento è considerato al momento per il Movimento Cinque Stelle. Una opposizione totale a qualsiasi tipo di colloquio, a qualsiasi tipo di tavolo a qualsiasi tipo di confronto“.

Leggiamo dichiarazioni e interviste di esponenti politici ancora convinti che ci sia spazio per ricucire con Renzi – ha dichiarato Vito Crimi dei Cinque Stele –  questo nonostante le mie e le nostre affermazioni nei giorni precedenti siano state chiarissime in tal senso. Allora lo ribadisco, a scanso di ogni equivoco: per il Movimento non ci sono margini per ricucire con Renzi, la porta è definitivamente chiusa.  Non  torneremo con chi è inaffidabile fino a questo punto –  conclude – con chi si è reso responsabile di una crisi in un momento tanto drammatico per il Paese”.