Marocchino la violenta due volte nella stessa sera: l’incubo di una 22enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:21

L’incubo per la ragazza è durato una intera serata, poi la fuga dell’uomo, e la ragazza soccorsa quasi per caso.

Polizia
Polizia (Facebook)

Un incontro casuale, per l’acquisto di una dose di droga. Catanzaro Lido, Calabria. I due si incontrano cosi, il ragazzo 26enne di origini marocchine, è un noto spacciatore della zona. I due si ritrovano sul lungomare, zona lido, dove il ragazzo abitualmente staziona per i suoi traffici illegali. Nota la ragazza, 22enne, e prova ad attirare la sua attenzione, la porta tra gli scogli in un luogo chiaramente appartato, la ragazza, in cerca di una dose o di chissà cos’altro si fida, ma lui ha altre intenzioni, e tra quelli scogli abusa di lei, la violenta.

Poi, paradossalmente, lo stesso ragazzo si propone di riaccompagnarla a casa, la ragazza accetta, anche questo è qualcosa di paradossale, qualcosa che sottolinea, probabilmente le non perfette condizioni di salute della stessa 22enne. All’altezza della pineta non lontana dal lungomare, il ragazzo blocca nuovamente la ragazza ed abusa, ancora una volta di lei, poi, scappa tra le campagna, lasciandola li, sola, abbandonata come un giocattolo utilizzato e poi gettato via.

LEGGI ANCHE >>> Caso Genovese: altre due denunce per violenza sessuale contro l’imprenditore

LEGGI ANCHE >>> Caso Genovese, sesso orale con più persone: le rivelazioni che non ti aspetti

Marocchino la violenta due volte nella stessa sera: il soccorso trovato quasi per caso

La ragazza cerca soccorso e si imbatte nelle prime abitazioni che incontra lungo la sua strada. Qualcuno la nota e chiama, effettivamente i soccorsi che arrivano tempestivi prestandole tutte le cure del caso. La ragazza in stato chiaramente confusionale, poco consapevole forse di quello che le era successo deve avere, in ogni caso fornito le giuste informazioni alle forze dell’ordine, che in poche ore hanno fermato il 26enne di origine marocchine. Per lui ora, aperte le porte del carcere.