Tragedia nella Rsa: 5 persone morte avvelenate dal monossido

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29

La scoperta fatta da uno dei dipendenti, che ha trovato ospiti e dipendenti privi di senti al suo arrivo presso la struttura.

Ambulanza

Tragedia alla Rsa di Lanuvio alle porte di Roma. Villa Diamanti si è trasformata nello scenario di una terribile tragedia capitata ai suoi ospiti. Uno dei dipendenti, all’arrivo presso la struttura, per svolgere il suo quotidiano lavoro, ha trovato i suoi colleghi e gli ospiti del centro, privi di sensi. Cinque di loro non ce l’hanno fatta, erano tutti ospiti, il resto delle persone coinvolte è stato trasportato in ospedale. La causa, si immagina, possa essere stata una fuga di monossido di carbonio.

Gli inquirenti stanno conducendo tutte le indagini del caso per scoprire cosa possa essere realmente succedere presso la struttura Villa Diamanti di Lanuvio. Altri cinque pazienti del centro insieme ai dipendenti sono stati traportati in ospedale. Le cause, secondo le prime indiscrezioni sarebbero da ricondurre ad una fuga di monossido di carbonio, che ha avvolto la struttura provocando la morte di cinque perone e lo svenimento di tutte le altre.

LEGGI ANCHE >>> I morti silenziosi del Covid: madre e figlio trovati in casa senza vita

LEGGI ANCHE >>> Disperazione dopo la sentenza della strage di Viareggio, morti senza un responsabile

Tragedia nella Rsa: le dichiarazioni dell’unità di crisi del Lazio

“La struttura di Lanuvio, Villa Diamanti non è un Covid Center – si legge in una nota dell’unita di crisi Covid laziale –  né una struttura di carattere sanitario, ma si tratta di una casa di riposo per anziani su cui erano in corso le indagini epidemiologiche da parte del Dipartimento di Prevenzione della Asl Roma 6 per un caso di positività riscontrato il 13 gennaio su un operatore socio-assistenziale della struttura. Operatori e ospiti – continua –  tutti sottoposti a tampone il giorno seguente. Ieri sera il riscontro di 3 operatori risultati positivi e 9 ospiti positivi.

“Stamani – spiega –  secondo quanto appreso dal direttore sanitario della Asl Roma 6, era prevista la presa in carico della Asl per i trasferimenti nei reparti Covid. Due operatori socio-assistenziali risultano trasferiti, appena giunti sul posto i soccorsi, al Policlinico di Tor Vergata e cinque ospiti anziani al nuovo ospedale dei Castelli tutti con sintomi riconducibili a intossicazione da monossido di carbonio“.